Cerca
Close this search box.
sabato, 20 Luglio 2024
sabato, 20 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Un nome a Malpensa? Cerchiamo di volare alto. Parola di sindaco di Somma Lombardo che ha un paio di idee

Aeroporto di Malpensa (Foto dal sito ufficiale)

Sono ben consapevole che ci siano questioni molto più urgenti in relazione al “nostro” aeroporto, come il futuro dello scalo o gli sviluppi del decreto “Aria”, ma permettetemi una considerazione, visto le recenti polemiche. La struttura è conosciuta in tutto il mondo, da sempre, con l’appellativo di Aeroporto della Malpensa, quindi non vedo la necessità di cambiarne il nome”, esordisce così Stefano Bellaria, il sindaco  di Somma Lombardo, il Comune su cui insiste lo scalo aereo intercontinentale, a proposito delle discussioni in corso sulla scelta di un nome da attribuire allo stesso.

Se proprio vogliamo intitolarlo a qualcuno, mi aspetterei un nome che abbia un forte ed indissolubile legame con il mondo del volo e con il nostro territorio”, dice il sindaco, indicando due persone che, per i loro meriti e la loro storia, reputo in egual misura degni di vedersi intitolato l’aeroporto di Malpensa. E per par condicio si tratta di una donna e di un uomo.

Chi ha detto che l’intitolazione non possa prevedere una persona vivente ed attiva? Su questo sarebbe ora di “cambiare passo”. Il primo nome che mi viene in mente è infatti quello di Amalia Ercoli Finzi “la signora delle stelle”, prima donna italiana a laurearsi in ingegneria aeronautica. Una vita dedicata alla ricerca nel campo delle scienze e delle tecnologie aerospaziali; docente di meccanica orbitale, consulente scientifica per la NASA, l’ASI e l’ESA. Una donna moderna e lungimirante, che ha un legame fortissimo con il nostro territorio, essendo nata a Gallarate e avendo studiato a Busto Arsizio prima dell’università a Milano.

L’altro nome fa parte del DNA dell’industria aeronautica della nostra provincia e dell’intera Nazione, nonostante la possibile obiezione – che mi sento di rimandare al mittente – che non sia nato in Lombardia: Gianni Caproni. L’uomo a cui si deve l’appellativo di Provincia con le Ali a Varese. Proprio a Malpensa il primo volo nel maggio del 1910 con il mitico Ca.1. Senza dimenticare che l’azienda da lui fondata si trova a due passi dal sedime aeroportuale ed è oggi sede del parco e museo del volo più grande d’Europa. In estrema sintesi, almeno per una volta, proviamo a volare alto”.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings