19 C
Comune di Legnano
giovedì 22 Aprile 2021

Tutte quelle sale da ballo che non riapriranno: ecco la crisi delle discoteche

Ti potrebbe interessare

Giornata Mondiale della Terra: un invito ai più giovani ad avanzare proposte per tutelare l’ambiente e la salute nelle città

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, che ricorre oggi, giovedì 22 aprile, i promotori della terza edizione del Concorso “A City in MIND”...

Sequestrati 5 milioni di mascherine in un deposito clandestino a Milano

E’ successo nelle scorse ore a Milano: i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno scoperto una...

Spostato il monumento della Resistenza al cimitero: intorno ci saranno anche le panchine

E’ successo nelle scorse ore a San Giorgio su Legnano: il Comune ha provveduto allo spostamento del Monumento alla Resistenza, davanti al cimitero, in...

Centro antiviolenza a Legnano: l’Amministrazione concede l’immobile al Comune di Cerro Maggiore

Da immobile in mano alla ‘ndrangheta a centro antiviolenza per le donne: con la delibera di giunta il Comune di Legnano ha concesso nelle...

Secondo una recente stima, avanzata da SILB-Fipe, il Sindacato Italiano dei Locali da Ballo, che raduna il 90% delle imprese del settore, almeno metà delle discoteche e delle sale da ballo in Italia non riapriranno mai più, dopo il lockdown per la pandemia.

A dare l’allarme, in particolare, è Maurizio Pasca, il presidente del sindacato, che commenta la situazione dei locali chiusi da quasi un anno, vale a dire da fine febbraio 2020, tralasciando la breve pausa estiva.

Il sindacato chiede alle istituzioni, in questi giorni, aiuti concreti, sottolineando tuttavia che il dialogo è già aperto con i Ministeri, le Regioni e i Comuni, chiedendo anche di non associare sempre l’immagine della cosiddetta “movida”, che crea contagio, alle discoteche, realtà che rappresentano sì luoghi di aggregazione, oggi da evitare per la circolazione del Coronavirus, ma ambienti che hanno sempre garantito il rispetto delle leggi e si sono coinvolti nelle campagne di sicurezza, come quella contro l’abuso di alcol tra i giovani.

Oltre al rischio di non riuscire più ad aprire, le discoteche e le sale da ballo sono minacciate dalla malavita, o sostituite da pericolose situazioni di aggregazione abusiva, come i raduni illegali.

Le discoteche, luoghi di divertimento controllato, hanno bisogno di attenzione proprio come altre realtà produttive e commerciali, e di non essere additate soltanto come focolai di contagio.

Articoli correlati

Chiude il locale TGarba al quartiere Canazza di Legnano

Non si può dire che non ci abbiamo provato i suoi titolari, Giacomo e Marzia, marito e moglie. Ma anche il bar ristorante di...

Terremoto in casa “Douglas”: la nota catena di profumerie chiude in tutta Italia

Sono poco meno di cinquecento i lavoratori a rischio, oggi impiegati nei negozi della nota catena di profumerie “Douglas”, che sta chiudendo in tutta...

La Lombardia è in zona arancione scuro da oggi fino al 14 marzo: chiuse tutte le scuole

Firmata l’ordinanza dal presidente Attilio Fontana: la regione Lombardia da oggi venerdì 5 marzo, fino a domenica 14 è in zona arancione scuro, o...

Non potrebbe riaprire la piscina di Legnano a chi ne usufruiva per ragioni terapeutiche?

Mentre gli atleti delle società sportive di nuoto continuano ad allenarsi alla piscina comunale di via Gorizia a Legnano, dove le vasche sono dedicate...

Chiude l’area cani a Castellanza per la sua riqualificazione

Sarà chiusa al pubblico da lunedì 16 novembre, l’area per il passeggio dei cani all’interno del Parco dei Platani, in via Lombardia, a Castellanza. La...