mercoledì, 8 Febbraio 2023

Triste primato per Legnano: il 95% dei rifiuti abbandonati sono di cittadini legnanesi

Sono quasi una sessantina i verbali contestati dalla Polizia locale dall’inizio del 2022 e la quasi totalità di questi, il 95%, riguardano cittadini legnanesi, come reso noto dal Comune.

La nostra città sta attraversando una fase cruciale nella politica ambientale legata alla gestione dei rifiuti: abbiamo avviato con Aemme Linea Ambiente la sperimentazione della tariffa puntuale, che ci permetterà di fare un salto di qualità ulteriore nella differenziazione dei rifiuti. Da qui la necessità di ribadire con forza la volontà di questa amministrazione di contrastare l’abbandono dei rifiuti; un fenomeno inammissibile e, purtroppo, molto diffuso nelle città italiane. A dimostrazione di questa volontà, con l’avvio della sperimentazione della tariffa puntuale, abbiamo intensificato i controlli effettuati congiuntamente da Polizia locale e Aemme Linea Ambiente. Detto questo, mi sembra importante evidenziare come il ruolo più importante in questa partita sia sempre quello giocato dai cittadini: spetta, in primo luogo, a loro attenersi a regole che sono di civiltà e buona convivenza. Per qualsiasi dubbio sulla modalità della raccolta con tariffa puntuale è possibile chiamare il numero verde di ALA 800 196363 o rivolgersi all’Ufficio Relazioni con il pubblico”, sottolinea Monica Berna Nasca, assessore alla Quotidianità.

Quanto ai controlli effettuati congiuntamente dal personale della Polizia locale e di ALA questi sono di due tipi. Se da una parte continuano i servizi mirati per identificare gli autori degli abbandoni, la cui programmazione settimanale considera le aree di abbandono verificate direttamente dalla Pl e da ALA o segnalate dai cittadini attraverso esposti o i canali dedicati, qualche settimana fa sono stati avviati servizi riguardo la tariffa puntuale, per ora nella zona dell’Oltrestazione già attiva, successivamente per le altre zone le cui date di partenza sono già state calendarizzate. Questi servizi, al momento, sono finalizzati a spiegare le nuove modalità di raccolta previste dalla tariffa puntuale e sistemare situazioni di conferimento non conforme e riguardano situazioni meritevoli di particolare attenzione come aziende e case popolari. Questo lavoro “educativo” sul corretto conferimento per utenze familiari e di singoli è svolto direttamente da ALA con gli educatori ambientali. Da ricordare che la sanzione pecuniaria varia da 120 a 300 euro in relazione all’entità dell’abbandono.

Tra le altre azioni di contrasto al degrado ambientale, portate avanti dall’Ufficio Sistema territoriale della Polizia locale, va ricordata la rimozione di quaranta veicoli abbandonati su area pubblica dall’inizio dell’anno.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI