sabato, 10 Dicembre 2022

TRENORD E TRENITALIA A RISCHIO SCIOPERO IL 22, 23 E 24 LUGLIO

Non più otto ore, ma trentadue. Non più un giorno, ma tre, di “rischio”. Raddoppia lo sciopero del settore ferroviario previsto per il prossimo 22 luglio, con un’altra agitazione indetta da altre sigle sindacali che andrà in scena il giorno dopo il primo stop.
Alla protesta proclamata da Cgil, Cisl, Uil, Fast, Cisal e Orsa – i dipendenti Trenord incroceranno le braccia dalle 9 alle 17 del 22 luglio – si aggiunge infatti un secondo sciopero indetto da Cat, Cub e Sgb, che hanno deciso di fermarsi per ventiquattro ore dalle 21 del 23 luglio alle 21 del giorno dopo.
I tre sindacati hanno coinvolto nell’agitazione anche i dipendenti del gruppo Ferrovie dello Stato e quindi i disagi potrebbero essere maggiori e più lunghi. Quel che è certo è dal 22 luglio, giorno del primo stop, al 24 luglio, ultimo giorno del secondo stop, si annunciano giorni difficili per i pendolari lombardi.
Al momento né Trenitalia né Trenord hanno comunicato gli orari delle fasce di garanzia, “finestre” in cui i treni circoleranno regolarmente, ma è molto probabile che negli orari più “caldi” i convogli vengano fatti partire per cercare di ridurre al minimo i disagi.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI