martedì, 31 Gennaio 2023

Tornano i miasmi dal fiume in Valle Olona: richieste delle verifiche

I sindaci di Castellanza, Marnate e Olgiate Olona chiedono un incontro urgente alle autorità competenti, per affrontare insieme e risolvere il problema dei cattivi odori che si sollevano dal fiume Olona.

Una comunicazione ufficiale è stata inviata in questi giorni a Provincia di Varese, ARPA Lombardia, ATS Insubria, Ufficio d’Ambito Territoriale della Provincia di Varese, Società per la Tutela Ambientale del Bacino Fiume Olona, e alle aziende Perstop spa, Tessa srl, Ecosis srl, Alfa srl del territorio, per denunciare le lamentele dei cittadini che registrano insopportabili immissioni maleodoranti nella zona della Valle Olona, nei tre Comuni di Castellanza, Marnate e Olgiate Olona.

Come si legge in una nota, si chiede un incontro urgente, proponendo la data del prossimo 3 settembre, con tutti i soggetti destinatari, “al fine di affrontare al più presto la questione ad oggi divenuta insostenibile, non potendo attendere l’esito delle procedure già in corso sia in sede giudiziaria (Consiglio di Stato), sia in sede di analisi e ricerca (Politecnico di Milano), che peraltro non coinvolgono contemporaneamente tutti i soggetti interessati. 

I tre enti locali hanno già attivato il tavolo di confronto e avviato un protocollo con il Politecnico di Milano per effettuare le indagini olfattometriche, con il progetto D-Noses, che coinvolge i cittadini per raccogliere le segnalazioni di odori tramite la App Odour Collect.

“Purtroppo in questo periodo le segnalazioni sono innumerevoli e pervengono da parte dei cittadini. La problematica ha raggiunto livelli assolutamente non più tollerabili, dal momento che ogni giorno in diverse fasce orarie sia diurne, sia notturne si percepiscono odori nauseabondi che rendono l’aria gravemente irrespirabile. Per questo abbiamo chiesto alle competenti autorità un incontro urgente per affrontare una volta per tutte la questione”, spiegano i sindaci, Mirella Cerini, Elisabetta Galli e Giovanni Montano.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI