Torna l’incubo delle siringhe infette: due rapinatrici ne usano una all’Esselunga

E’ successo sabato pomeriggio al supermercato Esselunga di viale Umbria a Milano: due donne, rispettivamente di 32 e di 38 anni, hanno cercato di rubare delle bottiglie di superalcolici, andandosene senza pagarle dopo aver minacciato con una siringa “infetta”, così come dichiarato da loro, l’addetto alla vigilanza di turno.

Ma l’uomo non si è lasciato intimorire e le ha inseguite, quindi bloccate mentre stavano per prendere la metropolitana alla fermata della Linea 3 Lodi Tibb, consegnandole alla pattuglia della Polizia sopraggiunta poco dopo il suo inseguimento.

Il sistema delle siringhe dichiarate infette, per compiere furti e rapine come fossero un’arma, è stato utilizzato più volte in passato, e spesso le siringhe sono risultate infette per davvero.

print