venerdì, 27 Gennaio 2023

Take away dalla finestra di casa: peccato che il prodotto servito fossero stupefacenti

(Immagine di repertorio)

E’ accaduto ieri mattina all’alba, giovedì 7 aprile, nelle province di Milano e Forlì Cesena: i Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni, hinterland nord est di Milano, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Cesenatico, hanno arrestato e posto ai domiciliari una decina di persone, ritenute responsabili in concorso di detenzione e spaccio di cocaina e marijuana, commessi nel Comune di Paderno Dugnano. Il provvedimento segue un’articolata attività di indagine, avviata nell’estate scorsa dai militari della Tenenza di Paderno Dugnano, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni di privati cittadini circa un anomalo via vai di soggetti nei pressi di un’abitazione in quel centro abitato.

Come spiegato dall’Arma, controlli ed intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno consentito di accertare la veridicità delle segnalazioni, scoprendo l’esistenza di un gruppo di soggetti che, utilizzando come base logistica proprio l’abitazione oggetto delle segnalazioni, attraverso una finestra protetta da inferriate che affaccia su strada, conduceva un’intensa attività di spaccio “h 24”, con la modalità del take away con i clienti che, dopo aver ordinato (telefonicamente o “alla finestra”) la sostanza che desideravano, passavano a ritirarla, con la consegna ed il contestuale pagamento che avvenivano con rapidi passaggi di mano attraverso le inferriate.

Durante gli arresti uno è stato operato in flagranza di reato per detenzione di sostanza stupefacente, e sono state eseguite ulteriori perquisizioni di iniziativa che hanno permesso di rinvenire, complessivamente, 10 proiettili cal. 7,65; 180 grammi di marijuana; 220 grammi di hashish; 2 grammi di cocaina e 1 bilancino.

I soggetti arrestati sono stati accompagnati alle Case Circondariali di Milano San Vittore, Monza e Rimini, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre i destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari vi sono stati sottoposti nei rispettivi domicili.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI