Cerca
Close this search box.
lunedì, 24 Giugno 2024
lunedì, 24 Giugno 2024
Cerca
Close this search box.

Take away dalla finestra di casa: peccato che il prodotto servito fossero stupefacenti

(Immagine di repertorio)

E’ accaduto ieri mattina all’alba, giovedì 7 aprile, nelle province di Milano e Forlì Cesena: i Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni, hinterland nord est di Milano, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Cesenatico, hanno arrestato e posto ai domiciliari una decina di persone, ritenute responsabili in concorso di detenzione e spaccio di cocaina e marijuana, commessi nel Comune di Paderno Dugnano. Il provvedimento segue un’articolata attività di indagine, avviata nell’estate scorsa dai militari della Tenenza di Paderno Dugnano, dopo aver ricevuto alcune segnalazioni di privati cittadini circa un anomalo via vai di soggetti nei pressi di un’abitazione in quel centro abitato.

Come spiegato dall’Arma, controlli ed intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno consentito di accertare la veridicità delle segnalazioni, scoprendo l’esistenza di un gruppo di soggetti che, utilizzando come base logistica proprio l’abitazione oggetto delle segnalazioni, attraverso una finestra protetta da inferriate che affaccia su strada, conduceva un’intensa attività di spaccio “h 24”, con la modalità del take away con i clienti che, dopo aver ordinato (telefonicamente o “alla finestra”) la sostanza che desideravano, passavano a ritirarla, con la consegna ed il contestuale pagamento che avvenivano con rapidi passaggi di mano attraverso le inferriate.

Durante gli arresti uno è stato operato in flagranza di reato per detenzione di sostanza stupefacente, e sono state eseguite ulteriori perquisizioni di iniziativa che hanno permesso di rinvenire, complessivamente, 10 proiettili cal. 7,65; 180 grammi di marijuana; 220 grammi di hashish; 2 grammi di cocaina e 1 bilancino.

I soggetti arrestati sono stati accompagnati alle Case Circondariali di Milano San Vittore, Monza e Rimini, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, mentre i destinatari della misura cautelare degli arresti domiciliari vi sono stati sottoposti nei rispettivi domicili.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings