sabato, 21 Maggio 2022

Stop alle plastiche per la conservazione dei cibi: arriva la cera d’api

Anche sul fronte alimentare, e in particolare della conservazione dei cibi, sta per arrivare una piccola rivoluzione: stop a pellicole e rotoli di alluminio, tradizionalmente impiegati soprattutto in ambito domestico, via libera a nuovi materiali come la cera d’api  o il cotone, privi di plastica. Si punta all’impiego di nuovi prodotti sostenibili, ricavati da materie prime rinnovabili, contro l’inquinamento; imballaggi innovativi prodotti biodegradabili e plastic-free, destinati a sostituire quelli sintetici finora comunemente usati, come il cellophane delle pellicole trasparenti.

E la cera d’api è diventata oggetto di particolari studi, a proposito del suo impiego quale involucro salutare per l’ambiente. La cera d’api è venduta in fogli di diverse forme e misure, e risponde alle esigenze di conservazione dei cibi: si modella, si piega, ed è altamente sigillante pur facendo respirare gli alimenti avvolti.

Alcune aziende italiane sono già attive nella produzione dei fogli di cera. Unico svantaggio, almeno per il momento, è il suo costo, compensato tuttavia dalla durata dei fogli, riutilizzabili a lungo.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI