martedì, 7 Febbraio 2023

Sospesa per il 2020 l’accoglienza dei bambini da Chernobyl

Un gruppo di bambini da Chernobyl arrivati un anno fa

“Con grandissimo rimpianto, ma consapevoli di avere preso la decisione giusta, il Comitato Accoglienza Bambini di Chernobyl ha deciso di sospendere per quest’anno l’accoglienza dei bambini e dei ragazzi ucraini, che avremmo dovuto ospitare nei prossimi mesi di giugno e luglio.

Rimarremo in contatto con loro, con le loro famiglie, con il Detskji Fond a Chernihiv per restare informati sulla loro situazione che, purtroppo, ad oggi è la fotografia della nostra di tre settimane fa, all’inizio dell’emergenza da Coronavirus“. Si legge così in una comunicazione diffusa nelle scorse ore dal Comitato, che opera nei Comuni dell’Alto Milanese, cedendo all’impossibilitò oggettiva di avviare il progetto di accoglienza come ogni anno.

Il Consiglio Direttivo dell’Associazione, dopo aver esaminato le problematiche, l’insicurezza e l’emergenza sanitaria del momento, ha deciso di non proseguire e di annullare l’accoglienza estiva di quest’anno. Il tutto in accordo con il Detskji Fond, il referente estero in Ucraina e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Minori Accolti, che hanno condiviso la decisione del Comitato, ritenendola l’unica possibile.

“Nell’ottica della solidarietà che contraddistingue la nostra Associazione, e non potendo realizzare l’Accoglienza 2020,  abbiamo deciso di rispondere all’appello di alcune realtà sanitarie del nostro territorio, decidendo di devolvere contributi per un totale di 1.000 euro destinandoli a Fondazione degli Ospedali di Abbiategrasso, Cuggiono, Legnano e Magenta ONLUS (350 euro), a Croce Rossa Italiana, Comitato di Legnano e Parabiago (350 euro) e alla Croce Bianca – sezione di Legnano (300 euro) per ringraziare e aiutare chi aiuta”, spiega Marita Maggioni, presidente del Comitato.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI