venerdì, 23 Febbraio 2024

Smantellata dai Carabinieri un’organizzazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti

(Immagine di repertorio)

L’operazione condotta dal Comando Provinciale Carabinieri di Varese ha avuto inizio ieri mattina, mercoledì 20 dicembre nelle provincie di Varese, Milano, Lecco, Bergamo e Novara, dove sono state arrestate venti persone, tutte albanesi, e altre due italiane poste ai domiciliari, al termine dell’indagine denominata “Turn Over”, mirata a smascherare un’associazione a delinquere finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Come si legge in una nota dell’Arma, è stata accertata l’esistenza di un sodalizio criminale già noto alle cronache poiché coinvolto in un fatto di sangue avvenuto a novembre del 2016 a Canegrate. In quella circostanza, nel corso di una faida con altra compagine albanese, per il controllo delle piazze di spaccio, hanno perso la vita due giovani pusher uccisi a colpi di arma da fuoco. Uno degli arrestati, tra i venti albanesi, è il fratello di una delle vittime di quell’episodio.

Ulteriori e successive indagini hanno permesso la ricostruzione di una fitta rete di pusher operanti nei territori del basso Varesotto e dell’hinterland Milanese, quindi di svelare l’esistenza del sodalizio criminale in grado di movimentare e vendere al dettaglio rilevanti quantitativi di sostanze stupefacenti. Alcuni degli arrestati sono parenti tra loro, e l’associazione criminale si caratterizza per la capacità di fornire un costante ricambio ai pusher sul territorio, assicurando avvicendamenti ogni tre mesi di soggetti provenienti dal loro paese d’origine. Da qui il nome “Turn Over” attribuito all’indagine.

Complessivamente sono state individuate tre abitazioni esclusivamente utilizzate quale “deposito” dello stupefacente e “laboratorio” per il confezionamento delle stesse. Sequestrati complessivamente: 20 chili di cocaina, 10 chili di eroina, 81 chili di hashish e somme in denaro per 453mila euro; la droga sul mercato avrebbero fruttato circa 3 milioni di euro.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI