lunedì, 17 Giugno 2024

SLA: a Parma e Ancona l’approfondimento bioetico sul fine vita e le cure palliative

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è approdata nelle Marche ed in Emilia-Romagna la Road Map AISLA, la formazione ECM gratuita AISLA che promuove il confronto con gli operatori sanitari e la cittadinanza sul tema del fine vita, delle cure palliative e il dibattito bioetico sui temi sanitari. “Le cure palliative e la legge 219/2017 tra clinica e diritto”, questo il titolo dell’iniziativa, ha visto la partecipazione di esperti, professionisti della Salute, bioeticisti e medici palliativisti al servizio della Comunità SLA.

La presa in carico della persona affetta da SLA e della sua famiglia necessita della collaborazione di numerosi professionisti nei diversi luoghi di cura, in particolare nel luogo preferito dalla persona con SLA: il proprio domicilio. Tra i diversi professionisti attivi nel percorso di cura, secondo AISLA, bisogna integrare le cure palliative specialistiche, già dalla diagnosi. Infatti, il team di cure palliative specialistiche offre alla persona con SLA e alla sua famiglia sia luoghi di cura aggiuntivi quali ambulatori, hospice; sia un supporto nel percorso promosso dagli specialisti. La pianificazione delle cure è quindi fondamentale per consentire il più ampio sostegno e la modulazione più efficace degli interventi di cura a cui la persona con SLA desidera o meno acconsentire”, dichiara Daniela Cattaneo, Medico Palliativista del Centro d’Ascolto AISLA.

A Parma, l’11 luglio all’Assistenza Pubblica Parma ODV l’evento, moderato da Stefania Bastianello, direttore tecnico di AISLA, ha approfondito il luogo di cura prediletto dalle persone SLA: la propria casa. È qui che il percorso di vita affronta le sfide più coraggiose. La tappa di Ancona si è svolta il 12 luglio, alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Politecnica delle Marche, con una tavola rotonda moderata dallo speaker radiofonico Luca Eboli.

“Questa iniziativa è uno dei modi attraverso i quali si fornisce ai sanitari, ai familiari, alle persone affette da malattie come la SLA, ai cittadini, non solo delle informazioni, ma soprattutto delle possibilità di cambiamento. Ho potuto parlare della realtà nella quale lavoro, la Rete di Cure Palliative dell’AUSL di Parma. Noi abbiamo iniziato con un fallimento, l’assistenza ad una persona affetta da SLA, nel 2012, che non avevamo tutelato poiché non avevamo le competenze necessarie per gestire la complessità del percorso. Grazie al nostro impegno e alla nostra volontà di cambiare e grazie ad AISLA e alla formazione e supervisione offertaci negli anni, abbiamo strutturato servizi che oggi sono in grado di prendersi cura della persona malata e del suo nucleo familiare e sociale, offrendo le cure palliative già al momento della diagnosi”, ha spiegato Maria Lavezzi, Coordinatrice del GipSLA, il Gruppo di Studio AISLA degli Psicologi specializzati sulla SLA.

AISLA, dal 2008, ha avviato un’attività di formazione specifica con l’obiettivo di dare una risposta competente, strutturata ed organica a tutti coloro (caregiver formali e informali) che si occupano di assistere le persone con SLA. Con queste giornate formative, AISLA si fa portavoce, quindi, di un discorso più ampio in risposta ai bisogni complessi della Comunità SLA: un approccio culturale e sistemico che ribalta il tradizionale modello prestazionale. È il tempo, inteso come metro emotivo della scelta della persona e della sua famiglia, a diventare responsabile in questa prospettiva di cura. L’appuntamento con la Road Map è quindi per fissato per l’autunno con le nuove date. Il cammino di AISLA prosegue nel segno della consapevolezza e della ricerca.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings