19 C
Comune di Legnano
giovedì 22 Aprile 2021

Sicuri che bastino i mezzi di trasporto per gli studenti a Legnano?

Ti potrebbe interessare

Giornata Mondiale della Terra: un invito ai più giovani ad avanzare proposte per tutelare l’ambiente e la salute nelle città

In occasione della Giornata Mondiale della Terra, che ricorre oggi, giovedì 22 aprile, i promotori della terza edizione del Concorso “A City in MIND”...

Sequestrati 5 milioni di mascherine in un deposito clandestino a Milano

E’ successo nelle scorse ore a Milano: i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno scoperto una...

Spostato il monumento della Resistenza al cimitero: intorno ci saranno anche le panchine

E’ successo nelle scorse ore a San Giorgio su Legnano: il Comune ha provveduto allo spostamento del Monumento alla Resistenza, davanti al cimitero, in...

Centro antiviolenza a Legnano: l’Amministrazione concede l’immobile al Comune di Cerro Maggiore

Da immobile in mano alla ‘ndrangheta a centro antiviolenza per le donne: con la delibera di giunta il Comune di Legnano ha concesso nelle...

Entrata ed uscita da scuola con orari scaglionati forse sono misure che non bastano, se poi gli assembramenti di giovani si formano alla fermata dell’autobus, il solito, uno soltanto, che non sembra essere stato potenziato. Almeno fino alla fine dell’ultimo lockdown.

Suona così la considerazione amara di alcuni genitori della zona, i cui figli frequentano gli istituti superiori di Legnano. Secondo il racconto di queste famiglie, i ragazzi che vanno all’Istituto Bernocchi e al vicino Dell’Acqua, uscivano sì da scuola in orari diversi, per non creare assembramenti, ma la necessità di mantenere il distanziamento anti contagio Covid veniva a scemare all’unica fermata degli autobus, che gli studenti prendono per tornare a casa. La fermata indicata è quella sul Sempione, affollata di ragazzi come sempre, come durante ogni anno scolastico.

E questo come se gli autobus non fossero stati implementati nelle corse, per smaltire più in fretta la particolare quantità di utenza, nelle settimane ancora caratterizzate dalla circolazione del Coronavirus. Alcuni genitori, a fronte di questa situazione preoccupante, non imputabile alle scuole, e nemmeno ai ragazzi, avevano scelto di andare a riprendere i figli in automobile, creando inevitabilmente ulteriore traffico.

Tuttavia, come si apprende da Movibus, il gestore delle linee di trasporto del territorio, da oggi, martedì 26 gennaio, giorno della ripresa delle attività nelle scuole superiori, al 50%, l’azienda ha istituito oltre cento nuove corse, in accordo con il piano del TPL, con il potenziamento di quelle dedicate al trasporto degli studenti.

Non rimane che attendere l’esito dei benefici che gli autobus in più dovrebbero portare.

Articoli correlati

Le Forze dell’ordine costrette ad usare lacrimogeni per disperdere un gruppo di giovani assembrati per il rapper Neima Ezza

E’ successo ieri, sabato 10 aprile a Milano: Polizia e Carabinieri sono intervenuti in via Micene per allontanare circa trecento ragazzi, che si sono...

Gli studenti universitari chiamati a realizzare progetti innovativi per Amazon

Al via in questi giorni la quinta edizione del concorso Amazon Innovation Award, ideato dalla società americana Amazon con la collaborazione di alcune università...

Al via l’educativa di strada a Legnano: da oggi i controlli contro gli assembramenti

Ha inizio da oggi, sabato 27 febbraio a Legnano, e nei prossimi fine settimana di marzo, il rafforzamento dei controlli nelle zone in cui...

Piazze e vie del passeggio a numero chiuso: il Codacons contro gli assembramenti che veicolano il Covid-19

Come scoraggiare i pericolosi assembramenti di persone, nelle vie e nelle piazze, ricettacolo di nuovi contagi da Coronavirus, dopo l’entrata di ben diciassette regioni...

No agli assembramenti: l’Italia da oggi quasi tutta “gialla” non è fuori dal rischio dei contagi

Il pericolo vero delle prossime ore sono gli assembramenti di persone, in tutta Italia, con il passaggio della maggior parte delle regioni in “fascia...