martedì, 31 Gennaio 2023

Si chiama “Città Spugna” il progetto contro gli allagamenti da bombe d’acqua

(Foto da FB)

Anche Legnano come una grande “spugna”, dal nome del progetto “Città Spugna” avviato con Gruppo CAP e Città metropolitana per il contenimento delle acque meteoriche. Come spiegato dal sindaco Lorenzo Radice anche Legnano potrà essere più resiliente e in grado di reggere bombe d’acqua e temporali estremi.

Sono stati così avviati in questi giorni i carotaggi dei terreni per avviare i progetti di riqualificazione di parcheggi e aree verdi, per prevenire gli allagamenti, con uno stanziamento di 15 milioni di euro, grazie al PNRR.

Anche in questi giorni vediamo gli effetti del cambiamento climatico: stiamo usando milioni di euro del Piano nazionale per ridurre sempre di più le emissioni e i consumi della nostra città, efficientando scuole, impianti sportivi, l’illuminazione, ma anche creando sottoservizi che permettano alle masse d’acqua improvvise di non distruggere il territorio”, commenta il sindaco.

Come spiegato da Città Metropolitanain una nota tecnica, “gli interventi Spugna realizzano una vera e propria riqualificazione ecosistemica del territorio, attraverso la permeabilizzazione del suolo e la gestione sostenibile delle acque meteoriche, restituendo funzionalità e valori agli spazi pubblici che diventano più verdi e fruibili ed efficienti. Ciò tramite una serie di interventi Nature Based, ovvero basati su principi naturali, che consentano una nuova gestione delle acque meteoriche e una funzionalizzazione di nuovi spazi di verde urbano. I progetti portano al territorio un vantaggio ecofunzionale di riconversione in senso climatico, ambientale, idraulico oltre che sociale, naturalistico, energetico ed economico”.
In pratica, dove possibile, saranno riqualificate delle aree con parziale depavimentazione, per creare nuove zone verdi e completa disconnessione dalla rete fognaria.

L’iniziativa idrogeologica è stata accolta anche dai Comuni di Canegrate, San Giorgio su Legnano e San Vittore Olona.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI