mercoledì, 8 Febbraio 2023

Sgominata la banda della “Patente per tutti”: mini telecamere per affrontare i test di guida

(Foto da web)

L’hanno battezzata “Patente per tutti” l’operazione condotta nei giorni scorsi dalla Polizia locale di Milano, che ha scoperto una truffa per superare l’esame della patente.

E il nome è proprio indovinato: tutti coloro che si mettevano in contatto con alcune persone, oggi indagate, riuscivano a superare il test di teoria della patente, con l’”aiutino” esterno, in una particolare autoscuola, oggi sequestrata.

Piccole telecamere nascoste negli abiti di soggetti che pagavano 3mila o 4mila euro per avere il superamento dell’esame, collegate con degli auricolari, permettevano di ricevere aiuti da chi, collegato all’altro capo di quel sistema di comunicazione, forniva le risposte esatte ai quiz.

I sospetti sono cominciati quando ottenevano il massimo del punteggio persino soggetti che non conoscono l’italiano, non lo leggono e non lo scrivono. Come era possibile che avessero “azzeccato” tutte le risposte? Da qui i controlli, con videocamere installate nella sala delle prove di teoria, da cui è emerso il raggiro.

Cinque le persone indagate per associazione a delinquere, e per il reato di “Repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche”.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI