mercoledì, 29 Maggio 2024

Scoperti 22 lavoratori irregolari: intascavano la cassa integrazione Covid ma continuavano a lavorare

(Foto da web)

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Milano ha scoperto un imprenditore, di origine rumena, amministratore di due società che, per ridurre l’impatto di natura economica degli oneri sociali e del relativo costo salariale durante l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, ha richiesto indebitamente la Cassa Integrazione per ventidue dipendenti.

Come si legge in una nota, in particolare, i finanzieri della Compagnia di Rho, dopo aver riscontrato alcune anomalie durante dei controlli sull’attività fiscale dell’imprenditore, hanno deciso di approfondire la posizione dei lavoratori che risultavano in Cassa Integrazione, arrivando così ad accertare che i dipendenti, pur beneficiando dell’ammortizzatore sociale, continuavano a svolgere la loro consueta attività lavorativa.

Gli accertamenti hanno permesso di confermare una Cassa Integrazione indebitamente percepita pari a 75mila euro, contributi previdenziali ed assistenziali non versati per un totale di 870mila euro, cui si aggiunge la constatazione di un’evasione IVA pari ad 1 milion e 230mila euro, quindi un omesso versamento delle ritenute IRPEF per un totale di 340mila euro.

L’imprenditore è stato condannato dal Tribunale di Milano per i reati fiscali, mentre, per il reato di indebita percezione di erogazioni pubbliche, la Procura di Monza ha di recente emesso l’avviso di conclusione delle indagini.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings