domenica, 5 Febbraio 2023

Saranno mesi di “resistenza”. I prossimi, contro il Coronavirus

(Foto di Daniel Roberts -Pixabay)

Lo ha dichiarato nelle scorse ore il ministro della Salute Roberto Speranza: “I prossimi mesi non saranno facili, anzi, saranno i mesi della “resistenza”, perché il Coronavirus circola ancora. La scienza alla fine vincerà questa battaglia, ma è necessario fare ancora molta attenzione”.

Mesi di “resistenza”, di uno scenario che ipotizza, come spiegato dai virologi in questi giorni, nuovi focolai e l’aumento della circolazione del virus.

Dall’inizio dell’epidemia in Italia sono stati registrati più di 300mila contagi da Covid-19: secondo un bollettino del Ministero della Salute, tra persone decedute e guarite, i contagi in Italia sono stati ad oggi 300mila e 897.

Nello stesso bollettino, il dato dei contagi nelle ultime 24 ore si è stabilizzato: 1.392 i nuovi casi, a fronte dei 1.350 del giorno prima. In calo i decessi: 14 morti nell’ultimo giorno rispetto alle 17 vittime del giorno precedente. Nel Lazio il record di 200 nuovi casi; in Lombardia +182; in Campania +156.

La scienza anche in Italia è impegnata su due fronti: la ricerca di un vaccino e di una cura. I primi vaccini disponibili saranno somministrati ai medici e agli operatori sanitari, quindi alle persone con fragilità e agli anziani.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI