San Giorgio su Legnano – Blocco veicoli: c’è chi dice no

Il sindaco di San Giorgio su Legnano Walter Cecchin

La polemica di questi giorni parte dalla cosiddetta “ribellione istituzionale” al blocco dei veicoli Diesel Euro 3, scattato in Lombardia da lunedì 1 ottobre, e non applicato ad Abbiategrasso.

Il sindaco Cesare Nai non ha emesso alcun divieto alla circolazione dei Diesel Euro 3, certo che colpisca le fasce più deboli, mettendo in difficoltà un’intera comunità con ripercussioni di vario genere.

Alla bontà del progetto di per sé, Nai ha fatto presente i disagi oggettivi e non di poco conto, conseguenti al blocco.

A San Giorgio su Legnano il sindaco Walter Cecchin ha commentato la scelta di Nai dicendo di trovarsi perfettamente d’accordo con lui.

“Mi trovo assolutamente in accordo con il collega sindaco di Abbiategrasso: non si possono e non si devono fare provvedimenti di questo tipo senza pensare alle difficoltà che creiamo ai cittadini. Il primo passo da fare è invitare Regione Lombardia e Città Metropolitana ad obbligare le società dei trasporti pubblici ad adeguare i mezzi alle nuove normative, ma soprattutto rendere il trasporto pubblico efficiente e funzionale anche fuori dalla grande Milano. Deve essere predisposto un adeguamento a lungo termine. Così è inaccettabile”, il commento di Cecchin.

(Oggi a Legnano si terrà un incontro tra i sindaci del Patto dei Comuni dell’Alto Milanese e il direttore dell’Agenzia per il Trasporto pubblico locale, Luca Tosi. Al centro della riunione la decisione di sopprimere il capolinea di piazza Cadorna, dalla fine dell’anno prossimo, delle autolinee utilizzate da numerosi pendolari del Nord Ovest).

print