18 C
Comune di Legnano
lunedì 18 Ottobre 2021

Salute -Vai a misurarti la pressione? Ecco cosa è meglio non ingerire

Ti potrebbe interessare

Arrivò a toccare Alfredino Rampi nel pozzo: si è spento Angelo Licheri

E' morto nelle scorse ore Angelo Licheri, l'uomo che tentò di salvare Alfredino Rampi, il bambino di sei anni caduto in un pozzo artesiano a Vermicino,...

Allarme bomba a Varese: evacuata la sede delle Poste

E’ successo poco prima delle 14.30 di oggi, lunedì 18 ottobre: una telefonata anonima ha avvisato della presenza di una bomba all’ufficio Postale centrale...

Un “Carrello Comune” per aiutare chi colpito dagli effetti della pandemia a Legnano

Da qualche giorno è possibile contribuire alla raccolta fondi a favore dei cittadini colpiti dagli effetti della pandemia attraverso “Carrello Comune”, un progetto di...

Con il cadavere della madre nascosto nell’armadio continuava a riscuoterne la pensione: denunciato un 50enne nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore a Buccinasco, nella periferia sud di Milano: i Carabinieri della Compagnia di Corsico sono intervenuti in un appartamento dove...

Avete intenzione di farvi misurare la pressione sanguigna? Allora, per non falsare i risultati, non bevete caffè nei due giorni che precedono l’esame: è quanto emerge da una ricerca messa in atto dagli esperti della Western University and Lawson Health Research Institute canadese. Pare infatti che il caffè possa far aumentare di molto la pressione sanguigna nei consumatori occasionali.
Lo studio è stato effettuato su 13 volontari con un’età media di 52 anni e valori normali di pressione sanguigna. I volontari sono stati sottoposti a 3 test distanziati di una settimana. La prima settimana non bevevano caffè, la seconda sì: dopo due giorni di astinenza da caffè, la caffeina veniva eliminata, ma bastava tornare a berne per far salire di nuovo la pressione.
L’effetto del caffè sulla pressione sanguigna è stato visto anche misurando il suo impatto sui calcioantagonisti, un tipo di farmaco usato per abbassare la pressione. Afferma David Bailey, autore della ricerca: “Anche una tazzina di caffè può compromettere l’effetto anti ipertensivo di questi farmaci. Per superare l’effetto del caffè bisogna raddoppiare la dose di questo farmaco, ma questo rappresenta un problema, perché bisogna tenere conto degli effetti nei momenti in cui non si beve caffè”.
Questo effetto ipertensivo del caffè, tuttavia, non riguarda i consumatori abituali, evidentemente assuefatti alle conseguenze della bevanda.

M.T.

Articoli correlati

Arrivò a toccare Alfredino Rampi nel pozzo: si è spento Angelo Licheri

E' morto nelle scorse ore Angelo Licheri, l'uomo che tentò di salvare Alfredino Rampi, il bambino di sei anni caduto in un pozzo artesiano a Vermicino,...

Allarme bomba a Varese: evacuata la sede delle Poste

E’ successo poco prima delle 14.30 di oggi, lunedì 18 ottobre: una telefonata anonima ha avvisato della presenza di una bomba all’ufficio Postale centrale...

Un “Carrello Comune” per aiutare chi colpito dagli effetti della pandemia a Legnano

Da qualche giorno è possibile contribuire alla raccolta fondi a favore dei cittadini colpiti dagli effetti della pandemia attraverso “Carrello Comune”, un progetto di...

Con il cadavere della madre nascosto nell’armadio continuava a riscuoterne la pensione: denunciato un 50enne nel Milanese

E’ successo nelle scorse ore a Buccinasco, nella periferia sud di Milano: i Carabinieri della Compagnia di Corsico sono intervenuti in un appartamento dove...

Si chiama “Ri-scatti” la mostra fotografica sui disturbi alimentari dei ragazzi

Si potrà visitare fino al prossimo 24 ottobre al PAC, a Milano, la settima edizione del progetto di fotografia sociale ideato dalla ONLUS "Ri-scatti",...