16 C
Comune di Legnano
mercoledì 24 Febbraio 2021

SALUTE – No alla proroga per l’installazione dei defibrillatori negli impianti sportivi: ecco perche’

Ti potrebbe interessare

Tenta di fuggire su un’auto rubata: arrestato un 43enne a Brebbia

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Stazione di Besozzo hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne, disoccupato, cittadino extracomunitario di nazionalità...

Partono i lavori di sistemazione del parcheggio davanti a “L’Oasi” di Cerro Maggiore

Chiuso per mesi al pubblico per problematiche strutturali, sarà presto oggetto di una riqualificazione a Cerro Maggiore il parcheggio di fronte alla Rrsa "L'Oasi":...

Il sindaco di Legnano Radice ribadisce alla RSU di Accam l’impegno dell’Amministrazione

Nella giornata di ieri, martedì 23 febbraio, il sindaco di Legnano Lorenzo Radice e l’assessore alle Società partecipate Alberto Garbarino hanno incontrato alcuni esponenti...

Regione Lombardia rivoluziona il suo piano vaccinale: cambia la strategia perché sia più efficace

Novità in Lombardia sul fronte dei vaccini anti Covid-19: la giunta regionale ha deciso il cambio delle strategie già adottate, per favorire le zone...

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato che ci giunge dall’Associazione Sessantamilavitedasalvare Onlus:

vigor bovolentaIl 24 marzo ricorre il 4° anniversario della morte del pallavolista Vigor Bovolenta (nella foto): proprio in conseguenza della sua scomparsa, seguita dopo poche settimane da quella del calciatore Pier Mario Morosini, venne introdotto nel nostro Paese l’obbligo di dotazione dei defibrillatori negli impianti sportivi, dando tempo 30 mesi (2 anni e mezzo!) alle società per mettersi in regola. Lo scorso 20 gennaio, scadenza del termine, il Ministero della Salute ha INSPIEGABILMENTE prorogato di altri 6 mesi il termine per il settore sportivo dilettantistico, tutelando la continuità delle attività delle società sportive anziché la salute degli atleti. Lo scorso anno in Lombardia le percentuali di sopravvivenza in caso di arresto cardiaco in ambiente extraospedaliero sono state del 12,5% ma, prendendo in esame i casi avvenuti nei soli impianti sportivi, la percentuale sale al 50%: questa differenza è dovuta all’aumento della presenza dei defibrillatori, determinata dagli effetti del decreto ora prorogato. La pericolosità di questa scelta è stata purtroppo confermata dalle morti di tre giovani di 9, 13 e 17 anni avvenute nelle scorse settimane in impianti sportivi non dotati del prezioso apparecchio.
Le associazioni da tempo impegnate nella lotta contro l’arresto cardiaco e nella diffusione dei defibrillatori hanno attivato una pagina Facebook “L’arresto cardiaco non rispetta la proroga” con la quale intendono sensibilizzare presidenti e dirigenti delle associazioni sportive affinché si dotino al più presto del prezioso strumento SALVAVITA, andando oltre il cinismo delle istituzioni. Nella pagina saranno ospitate anche testimonianze e appelli di chi è stato direttamente o indirettamente toccato da un arresto cardiaco improvviso e coinvolte tutte le associazioni sportive che hanno “a cuore” la salute dei propri iscritti in un grande social flash-mob fotografico: atleti in tenuta sportiva stesi a terra a rappresentare le vittime di questa assurda proroga. All’iniziativa virtuale farà seguito, sabato 26 marzo, un flash-mob nelle piazze di molte città Italiane.
Contestualmente le associazioni proponenti chiedono al mondo politico un intervento legislativo mirato alla liberalizzazione dell’uso del defibrillatore semiautomatico, slegandolo da obblighi formativi e autorizzativi.
La norma dovrebbe contenere una semplice frase aggiunta all’Art. 1, comma 1 della legge 03/04/2001 n. 120, G.U. 14/04/2001 n. 88, ovvero:
Articolo 1, comma 1
E’ consentito l’uso del defibrillatore semiautomatico in sede extra ospedaliera anche al personale sanitario non medico, nonché al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nelle attività di rianimazione cardio-polmonare. “In caso di necessità e in assenza di personale addestrato, chiunque può utilizzare un defibrillatore automatico o semiautomatico esterno”.

Comitato scientifico
D.ssa Daniela Aschieri Dr. Maurizio Cecchini Dr. Antonio Carpagnano
Promuovono l’iniziativa le associazioni : Progetto Vita Piacenza, Cecchini Cuore – Pisa, Noi non ci lasceremo mai – Ravenna, Fondazione Giorgio Castelli – Roma, Sessantamilavitedasalvare – Progetto Vita Altomilanese, Progetto Vita Piemonte, Progetto Vita – Sanremo, Mirco Ungaretti-Lucca, Roberto Pardini, Viareggio, Bat Cuore-Barletta, Brianza per il Cuore – Monza, Progetto Vita Padova, Brianza 3.0, Niccotestini – Firenze, Padova fa Battere il Cuore, Associazione Gianluca nel cuore – Corte Franca (BS), ANIS
D.ssa Daniela Aschieri, Dott. Maurizio Cecchini, Federica Lisi Bovolenta, Dott. Vincenzo Castelli, Mirco Jurinovich, Marcello Segre, Paola Arrigoni, Stefano Ungaretti, Andrea Pardini, Dott. Antonio Carpagnano, Laura Colombo Vago, Dott. Alessandro Zorzi, D.ssa Laura Valagussa, Andrea Enea, Morena Masini, Dott. Andrea Ghidini Ottonelli, D.ssa Luisa Cacciavillani, Stefano Saliola

Articoli correlati

Ritrovato il DAE sparito a Legnano dal Parco Falcone e Borsellino

Non è chiaro se si sia trattato di uno scherzo o di una bravata, il furto del DAE dal Parco Falcone Borsellino di Legnano,...

E’ sparito di nuovo il defibrillatore da piazza Maggiolini a Parabiago

Non c’è pace per il defibrillatore posizionato in piazza Maggiolini a Parabiago: il dispositivo salvavita è stato nuovamente sottratto dalla colonnina di sostegno, vicino...

Morte del tassista a Malpensa: i testimoni confermano che non c’era un defibrillatore

Mentre la vicenda del 52enne tassista deceduto per un arresto cardiaco nel parcheggio delle auto bianche all’aeroporto di Malpensa, non finisce di destare sgomento...

Uso del defibrillatore: formati 50 cittadini a Legnano

Si è concluso in questi giorni a Legnano il corso BLSD, abilitante all’uso del Defibrillatore Semiautomatico Esterno, tenutosi a Palazzo Leone da Perego, in...

Installati a Cuvio due DAE a disposizione della comunità

Sono stati installati nelle scorse ore a Cuvio due nuovi DAE, i defibrillatori automatici esterni, che sono stati posizionati davanti alla farmacia Cantù e...