“Rinascerò, rinascerai”: Roby Facchinetti per la città di Bergamo

Camillo Lorenzo Ferdinando Facchinetti, fondatore, storica voce e tastierista dei “Pooh”, in collaborazione con l’ex batterista Stefano D’Orazio, ha realizzato in questi giorni  il brano “Rinascerò, rinascerai”, disponibile da ieri , venerdì 27 marzo su tutte le piattaforme digitali.

Un brano lanciato per aiutare la sua città, quella Bergamo che gli ha dato i natali il 1° maggio del 1944, e dove ha sempre vissuto.

Il ricavato dei download così come i diritti d’autore ed editoriali saranno interamente devoluti da SonyMusic e SIAE all’ospedale Papa Giovanni XXIII per l’acquisto di attrezzature mediche. L’iniziativa sarà promossa tramite i media e i tutti canali social.

Colpito dall’immagine cruda dei camion militari che lasciavano la città di Bergamo, con a bordo le salme dei cittadini deceduti a causa del Coronavirus, il popolare musicista si è messo al pianoforte e ha realizzato il brano in collaborazione con Stefano D’Orazio, ognuno nella propria abitazione.

Hanno collaborato al video l’arrangiatore Danilo Ballo, Marco Barusso con il mixaggio, un coro di voci bergamasche e Daniele “Vava” Vavassori, e il chitarrista Diego Arrigoni dei Modà, grazie a social e tecnologia.

Giovanna Lorenzi, moglie di Roby, che è stata la volontaria nella struttura del Papa Giovanni XXIII ha chiesto al personale ospedaliero di inviare delle clip per poter realizzare un video cui hanno contribuito anche l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini e la squadra.

Anche Francesco Facchinetti (Dj Francesco), figlio di Roby, è impegnato personalmente tramite i propri canali social in campagne di sensibilizzazione per sconfiggere il Coronavirus.

Silvia Ramilli

print