mercoledì, 29 Maggio 2024

Riapre la biblioteca comunale di Busto: lunedì sono invitati tutti gli studenti

la biblioteca di busto arsizio
La biblioteca di Busto Arsizio ( Foto da web)

Dopo i pochi giorni di chiusura per la pausa ferragostana, lunedì 17 agosto la Biblioteca comunale di Busto Arsizio riaprirà, con i servizi già garantiti dal 18 maggio (consegna e ritiro libri già prenotati, possibilità di scelta di libri sugli scaffali all’ingresso) e con un’importante novità: per la prima volta dopo i mesi di lockdown saranno riaperte le sale studio.

“La riapertura in biblioteca degli spazi per gli studenti è una nuova importante conquista, pur se in forma ridotta, dopo la chiusura imposta per la pandemia. Le limitazioni nella fruizione della cultura sono state e sono una grave privazione, perché le persone, le comunità hanno bisogno della cultura. Anche per questo, appena terminato il lockdown, ci siamo messi al lavoro per garantire la maggiore offerta possibile. Così come siamo sempre più impegnati nel progetto di ripensamento e rilancio della biblioteca, ‘casa del sapere e della cultura’, che deve diventare sempre più punto di riferimento per adulti e ragazzi, a maggior ragione dopo gli episodi violenti di questa estate”, commenta il vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli.

“E’ una novità molto attesa dagli studenti che da tempo richiedono a gran voce la riapertura dei “loro” spazi di studio e di ritrovo. Naturalmente abbiamo dovuto valutare le modalità di accesso e di erogazione del servizio con molta attenzione e in seguito a una serie di sopralluoghi con il responsabile della sicurezza: il nostro intento è quello di tutelare la salute degli utenti, ma anche di mettere gli operatori nelle condizioni di lavorare in sicurezza e serenità”, spiega la direttrice Claudia Giussani.

Saranno 52 i posti riservati agli studenti universitari, che dovranno essere regolarmente iscritti alla biblioteca, muniti di tesserino universitario e documento di identità.

La distanza tra gli studenti sarà di due metri, trattandosi di ambienti chiusi (ma fino a quando la stagione lo consentirà si terranno le finestre aperte per garantire maggiore aerazione) in cui si permane per parecchie ore.

L’accesso sarà consentito solo tramite pass numerati che saranno distribuiti all’ingresso della sala Monaco fino ad esaurimento dei posti disponibili. A breve sarà anche attivata una app per agevolare le prenotazioni. Il personale sarà a disposizione dei ragazzi anche per dare indicazioni e aiutarli nel rispetto delle regole a cui dovranno attenersi.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI