10.8 C
Comune di Legnano
venerdì 26 Febbraio 2021

RHO – Sottopasso di Corso Europa: risolto il problema degli allagamenti

Ti potrebbe interessare

Sequestrati 24 chili di hashish a Milano: la Guardia di Finanza arresta due stranieri

E’ successo nelle scorse ore a Milano: i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno sequestrato 24 Kg di hashish e arrestato...

Il presidente US Sangiorgese Claudio Pastori fa il punto della situazione sul 64esimo Campaccio Cross Country

Mentre prosegue senza sosta l’organizzazione del 64° Campaccio Cross Country, rimandato causa Covid-19 dalla classica data del 6 gennaio ad inizio primavera, sabato 20...

A Legnano cresce il Controllo del vicinato sempre più apprezzato

Con l’undicesimo gruppo commerciale il Controllo del vicinato supera le trecento adesioni tra i negozianti di Legnano. Come si legge in una nota, la...

Anche dal Circolone di Legnano in streaming “L’ultimo concerto?”

Si svolgerà domani, sabato 27 febbraio, alle 21, la diretta streaming dal Circolone di Legnano del gruppo musicale dei Punkreas, con “L’ultimo concerto?”, evento...

Ultimati i lavori idraulici e stradali di grandi complessità condotti dal Gruppo CAP in collaborazione con l’amministrazione comunale, il sottopasso di corso Europa non si è allagato ed è risultato perfettamente percorribile per la prima volta da decenni nonostante le forti piogge di giovedì 19 e di lunedì 23 maggio che hanno avuto un picco di 185,2 mm/h.

Il funzionamento del nuovo impianto era già stato verificato durante il sopralluogo del 19 maggio, presenti l’Amministrazione Comunale, il presidente del Gruppo CAP Alessandro Russo e il direttore generale Michele Falcone prima della riapertura della strada ed è stato confermato nel successivo sopralluogo tecnico di lunedì mattina 23 maggio.

Il risultato è frutto dei lavori eseguiti durante i mesi scorsi dal Gruppo CAP. L’amministrazione comunale e Gruppo CAP hanno dunque raggiunto l’obiettivo di risolvere il problema degli allagamenti, che da anni si verificavano in questa zona di Rho ogni volta che pioveva, creando un vero problema per la circolazione ed un pericolo per i Cittadini. La situazione è stata affrontata dal Gruppo CAP, intervenendo con una serie di lavori.

sottopasso corso europa2okQuella realizzata costituisce una grande opera di ingegneria e di collaborazione fra l’azienda pubblica del servizio idrico integrato e l’amministrazione comunale.
I lavori sono stati infatti imponenti, perché non solo era necessario creare una nuova linea idraulica, ma anche realizzare una stazione di sollevamento delle acque.

Nel corso del 2015 è stata eseguita dai tecnici del Gruppo CAP e del Comune una serie di rilievi topografici e geometrici, che hanno fotografato una situazione critica, dove la rete non risultava più in grado di funzionare correttamente per smaltire le acque piovane e quelle fognarie. La soluzione adottata è stata quella di realizzare una stazione di sollevamento, una pompa per convogliare le acque che si raccolgono nel sottopasso, sia quelle nere che quelle bianche, che si fermavano nelle griglie poste trasversalmente rispetto alla sede stradale nella tubazione presente in via Ghisolfa. Da lì i reflui vengono correttamente collettati e smaltiti al depuratore di Pero.
Un progetto con un investimento totale di quasi 900mila euro, che oggi è concluso e funzionante e permette di percorrere il sottopasso anche in caso di forti piogge.

Contestualmente alla fine dei lavori per il sottopasso, venerdì 21 maggio è stato riaperto alla viabilità anche il tratto discendente di via Ghisolfa da piazza Oslavia.

L’amministrazione comunale ringrazia il Gruppo CAP, in particolar modo i dipendenti di CAP e del Comune di Rho e la squadra di ingegneri, che ha lavorato notte e giorno per portare a casa questo risultato importante per la città di Rho.

Gruppo CAP
Il Gruppo CAP è una realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città Metropolitana di Milano e in diversi altri comuni delle province di Monza e Brianza, Pavia, Varese, Como secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Gestore unico della provincia di Milano per dimensione e patrimonio il Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale.

Articoli correlati