24.6 C
Comune di Legnano
domenica 1 Agosto 2021

RHO – Scoperto smaltitore abusivo, denunciate 3 persone.

Ti potrebbe interessare

Tornano i bonus per l’acquisto dei veicoli non inquinanti

Riparte da domani, lunedì 2 agosto, la distribuzione degli ecobonus, per l'acquisto di veicoli a basse emissioni, così come previsto dalla legge di conversione...

Padre violento maltratta il figlio minorenne: la Polizia interviene

E’ stato allontanato dalla sua famiglia, nei giorni scorsi a Gallarate, un uomo di origini straniere, resosi responsabile di maltrattamenti nei confronti del figlio...

La rigenerazione della città è cominciata: tutta la soddisfazione del sindaco di Legnano

“Ci vogliono visione, costanza e determinazione. E lo stiamo facendo davvero: in questo primo anno di lavoro stiamo seminando e mettendo le basi per...

Interrotta la festa nel parchetto a Parabiago: violata ogni regola anti Covid

E’ successo nelle scorse ore a Parabiago, nel parchetto cittadino di fronte alla chiesa della Madonna Dio’l sa: circa duecento persone di origini peruviane...

La Polizia Locale di Rho ha effettuato indagini lunghe e complesse durate 4 mesi, che hanno permesso agli Agenti dell’Ufficio Ambiente e Territorio della Polizia Locale Rhodense, di risalire agli autori di due grossi scarichi abusivi di materiali edili, smaltiti illegalmente sul territorio nelle frazioni di Pantanedo e Fontanili.
Nello specifico sono state individuate qualche tonnellata di “materiali di risulta” da demolizioni edili, provenienti da due cantieri attivi nei comuni di Cusano Milanino e Paderno Dugnano. Proprio dai materiali reperiti sul posto, sono partiti gli accertamenti di Polizia con riscontri su documenti, scontrini, pedaggi autostradali, etichettatura di imballaggi e altri elementi probatori.
Le attività si sono concentrate su due edifici individuati, uno in fase di costruzione e l’altro in fase di ristrutturazione; da qui si è risaliti ai committenti e proprietari, successivamente ai responsabili di cantiere. Con grande sorpresa degli Ufficiali di Polizia Giudiziaria è stata effettuata la presentazione, da parte di chi aveva consegnato lo smaltimento di materiali, dei relativi formulari rifiuti con tanto di timbro smaltitore “autorizzato”.
Si è quindi proceduto a successive indagini informatiche e consultazione delle banche dati, dalle quali si è accertato che un quarantenne di origini calabresi e residente in Brianza, sedicente titolare di azienda per lo smaltimento e conferimento di rifiuti con sede a Seregno in provincia di Monza, di fatto non risultava negli elenchi delle ditte iscritte all’Albo Gestori Ambientali.
Accertamenti ulteriori hanno riscontrato che presso la sede indicata sui documenti e timbri riportati, ovviamente risultati poi contraffatti,  non c’erano uffici bensì una pizzeria; il titolare del locale pubblico, ovvero la stessa persona che si spacciava per  “smaltitore autorizzato” ai committenti dei cantieri, è risultato avere già precedenti per numerosi reati anche specifici ambientali e non è risultato autorizzato all’attività svolta.

I riscontri investigativi hanno verificato inoltre che gli smaltimenti “documentati e avvenuti presso le cave autorizzate” di fatto non erano stati effettuati in modo regolare dato che i titolari delle cave di smaltimento sentiti sulle circostanze e verificati i registri alle date indicate non avevano accettato i carichi, risultanti però conferiti con tanto di timbro della cava in accettazione.
L’ipotesi investigativa è che l’uomo abbia contraffatto i cosiddetti documenti FIR (Formulari identificativi dei Rifiuti) per farli apparire regolari al cliente dimostrandone l’avvenuto corretto conferimento in cava, ottenendo il pagamento dello smaltimento, mai avvenuto  perché abbandonati sul territorio di Rho incontrollatamente.
Durante le indagini sono state individuate e denunciate per reati ambientali 3 persone, non escludendo ulteriori sviluppi in fase di approfondimento da parte del Pool Reati Ambientali della Procura di Milano.

Il Sindaco di Rho, Pietro Romano, commenta: “Ringrazio la Polizia Locale per la tenacia con la quale ha svolto le indagini riuscendo ad individuare i responsabili di questi reati. Il nostro territorio è spesso stato preso di mira da questi soggetti, che pensavano di poterlo utilizzare come discarica dei loro rifiuti risparmiando sui costi di smaltimento e costringendo il Comune ad intervenire. I fatti in questione sono ancora più gravi, perché i responsabili svolgevano un’attività professionale e falsificavano i documenti di trasporto. Il Comune di Rho si costituirà parte civile nel processo penale anche per recuperare i costi sostenuti per lo smaltimento dei rifiuti abbandonati sul territorio.”

L’Assessore a Ecologia, ambiente e mobilità, Verde pubblico e arredo urbano, Cimiteri e contratti di quartiere, Gianluigi Forloni, conclude:
“L’ottimo lavoro di indagine svolto dalla Polizia Locale testimonia lo sforzo costantemente presente nell’amministrazione a vari livelli per scoraggiare i comportamenti illeciti, che producono un danno ambientale che colpisce tutta la città. Come è evidente, risalire ai responsabili richiede un lavoro notevole che è giusto apprezzare nella sua giusta dimensione. Sul fronte dell’abbandono dei rifiuti siamo tutti impegnati, affinché i comportamenti incivili non solo vengano sanzionati, ma anche considerati inaccettabili da tutta la cittadinanza.”

Articoli correlati

Sperona e investe i Carabinieri: scene da film per catturare un fuggitivo a Rho

E’ successo la notte scorsa a Rho, nell’hinterland Nord Ovest di Milano: una pattuglia della locale Stazione Carabinieri ha inseguito ed arrestato un uomo...

Attimi di apprensione alla stazione ferroviaria di Rho: accoltellato un ragazzo dopo una lite

E’ successo ieri, mercoledì 9 giugno, nel tardo pomeriggio: davanti alla stazione ferroviaria di Rho, in piazza Libertà, un ragazzo di 17 anni è...

Ohana significa famiglia: al via una mostra fotografica itinerante di Giulia Turri

Sarà inaugurata domani, domenica 16 maggio alle 10.30 al parco di Villa Burba a Rho, una particolare mostra fotografica itinerante, progetto di Arci Che...

Scoperto un deposito di auto rubate dalla Pl di Rho: recuperate prima che fossero vendute nell’est europeo

Sono una Range Rover Evoque, una FIAT 595 Abarth, un autocarro IVECO, un’altra auto di grossa cilindrata e due scooter i veicoli ritrovati dalla...

RHO – Il Comune si dota di un drone a servizio della protezione civile e della sicurezza

Il Comune di Rho si è dotato di un Sistema Aeromobile a Pilotaggio Remoto (SAPR) con telecamera, meglio conosciuto con il nome di drone. Il...