domenica, 29 Gennaio 2023

Rapine ai Lidl di Luino: preso anche il complice

È stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Luino il complice del 34enne già finito in carcere a Varese, con l’accusa di furto e rapina ai danni di esercizi commerciali. E’ un uomo di 33 anni, residente a Catania, individuato grazie all’attività investigativa condotta dai Carabinieri di Luino che, dopo aver raccolto gli elementi utili alle indagini nei confronti dell’altro catanese, residente però a Luino, avevano successivamente posto l’attenzione su chi potesse essere il complice con il quale aveva messo a segno i vari colpi.

I due hanno rubato uno scooter lo scorso 5 febbraio, per commettere poco dopo la rapina a mano armata al Lidl di via Voldomino, portando via 4mila e 300 euro.

Con lo stesso modus operandi, mascherati e armati di un taglierino per minacciare il personale alle casse, i due hanno rapinato il 9 febbraio il distributore di benzina di Fornasette, in Svizzera, questa volta utilizzando per la fuga un’automobile Alfa Romeo 156 rubata.

Le indagini dei Carabinieri hanno portato sulle tracce del giovane residente a Luino che il 16 febbraio scorso è stato arrestato in applicazione dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Varese, mentre sono continuate le indagini che hanno portato all’emissione della medesima misura cautelare nei confronti del complice catanese il quale, poche ore dopo il colpo in Svizzera, aveva fatto rientro in Sicilia.

I militari sono giunti all’individuazione del complice, la cui responsabilità dovrà essere ovviamente accertata nel corso del giudizio, attraverso i numerosi riscontri ottenuti successivamente e ieri mattina, con la collaborazione ed il supporto dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante, si sono presentati nella sua abitazione dichiarandolo in arresto con l’accusa di duplice rapina e furto in concorso. Quindi è stato accompagnato alla Casa Circondariale di Gela, in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI