Cerca
Close this search box.
sabato, 20 Luglio 2024
sabato, 20 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Quindici persone indagate dai Carabinieri di Milano: dovranno rispondere di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti 

(Immagine di repertorio)

E’ successo nelle scorse ore in più Comuni delle province di Milano e di Monza e anche in Spagna: i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato esecuzione ad una ordinanza applicativa di misure cautelari personali, portando in carcere nove persone, ponendone tre ai domiciliari, ed altre tre all’obbligo di firma, tutte ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti .

Come si legge in una nota, il provvedimento scaturisce dalle risultanze di un’articolata attività d’indagine condotta dalla Compagnia di Sesto San Giovanni da maggio a dicembre 2020, che ha consentito di comprovare l’esistenza di un sodalizio criminale dedito al traffico internazionale di hashish e marijuana, acquistate ed importate, mediante trasporto su gomma, dalla Spagna all’Italia e successivamente rivendute nelle province di Milano, Monza Brianza, Bergamo e Cremona.

Come spiegato dall’Arma, le indagini, sviluppate con metodologie investigative tradizionali ed attività tecniche, si sono avvalse dei canali di cooperazione internazionale attivati tramite l’emissione di un ordine europeo d’indagine. È stata così, delineata l’operatività di un gruppo criminale ben strutturato, dedito ad una fiorente attività di importazione e spaccio di sostanze stupefacenti, con base operativa anche in Spagna e diverse sedi in appartamenti nel Milanese e in Brianza.

Nel corso delle indagini sono state ricostruiti 11 episodi di importazione e 30 cessioni di droga destinata alla vendita al dettaglio. Sono stati arrestati, in flagranza di reato, sette soggetti appartenenti al sodalizio e sequestrati 337 kg di marijuana, 7 kg di hashish e 57.700 euro in contanti. I proventi dell’attività illecita venivano, poi, reinvestiti dall’organizzazione per i successivi approvvigionamenti di narcotico e nell’acquisto di immobili, autovetture ed orologi di lusso.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings