Cerca
Close this search box.
sabato, 22 Giugno 2024
sabato, 22 Giugno 2024
Cerca
Close this search box.

Quattro condanne in appello per i rifiuti illeciti del rogo di via Chiasserini a Milano

(Foto ANSA)

Si chiude un’altra tappa del percorso che ha visto condannati nelle scorse ore, nella fase di appello, i quattro imputati nel processo per il traffico illecito di rifiuti, stoccati nel deposito di via Chiasserini a Milano, andato a fuoco per giorni ad ottobre del 2018.

Ridotta la pena per l’amministratore della società Ipb Italia, Aldo Bosina, che gestiva il capannone, e ad un’altra amministratrice, Patrizia Geronimi. Confermate le condanne all’amministratore di una società intermediaria di rifiuti, Pietro Ventrone, e all’imprenditore Giovanni Girotto.

Escluso il “concorso di colpa” attribuito al Comune e alla Città Metropolitana di Milano, atto che aveva inizialmente fatto riferimento al mancato sequestro del capannone di via Chiasserini, dopo un controllo nell’area effettuato prima del maxi rogo.

L’inchiesta rimane aperta per individuare gli autori materiali dell’incendio: chi appiccò le fiamme che durarono giorni e generarono una nube di fumo maleodorante che arrivò fino in piazza Duomo.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings