venerdì, 19 Aprile 2024

Premiazione “Centro ORO” all’ospedale di Legnano: riconosciuta un’eccellenza

Si è svolta lunedì mattina, 19 febbraio, nel Reparto di Neurologia dell’ospedale di Legnano la premiazione “Centro ORO”, nell’ambito del programma ESOAngels Awards,  promosso da European Stroke Organization (ESO). Come si legge in una nota, il riconoscimento premia l’eccellenza del team multidisciplinare dell’ospedale di Legnano, per la sua efficacia nel trattamento dell’ictus, una patologia tempo-dipendente che è la prima causa di disabilità in Italia.

I criteri di valutazione di ESO-Angels si basano su una serie di parametri rigorosi, tra cui la percentuale di pazienti ictus trattati sul totale ricevuto, il tempo dall’arrivo in Pronto soccorso al trattamento (50 % pazienti entro 60 minuti per la fibrinolisi sistemica ed entro 120 minuti per la trombectomia meccanica), e il numero di pazienti con ictus ricoverati in Stroke UnitSecondo gli standard promossi da ESO-Angels, il Centro della ASST Ovest Milanese rispetta tutti i parametri elencati per potersi classificare “Centro ORO”.

La capacità di intervenire tempestivamente e di fornire assistenza e follow-up ai pazienti colpiti da ictus rende orgogliosa questa ASST. Ci auguriamo che i risultati raggiunti rappresentino non soltanto un traguardo di cui possiamo essere giustamente orgogliosi, ma servano anche da punto di partenza per proseguire con maggiore dedizione il percorso intrapreso a livello organizzativo e tecnico”, ha dichiarato il direttore del Reparto di Neurologia, Alessandro Prelle.

Il premio ESO-Angels Awards è un riconoscimento internazionale della qualità del lavoro svolto dall’Ospedale di Legnano per migliorare il trattamento dei pazienti colpiti da ictus e per mantenere i più alti standard di qualità delle cure.
La mission dello 
Stroke Team dell’Asst Ovest Milanese è di trattare tempestivamente il paziente colpito da ictus cerebrale così da garantire la massima efficacia delle terapie con l’obiettivo di far tornare tutti i pazienti alla loro vita normale.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI