martedì, 25 Gennaio 2022

Potrebbe non volare mai più il gufo colpito all’ala da cacciatori incauti

Bracconaggio continuato nel Parco dell’Adamello: a farne le spese nei giorni scorsi un gufo di palude, ferito all’ala da un colpo di fucile sparato da un cacciatore che non ne ha riconosciuto la specie protetta.

Come riferisce il Codacons in queste ore, dall’apertura della stagione venatoria sono già sette gli animali protetti feriti da armi da fuoco, ed accompagnati per essere curati nel Centro Recupero Animali Selvatici, il CRAS: i bracconieri hanno campo libero, secondo Codacons, mentre mancano controlli e prevenzione, all’interno della famosa riserva.

Il gufo “Asio flammeus” è stato colpito durante una  sosta a terra, trovandosi nel suo periodo di migrazione. Il cacciatore questa volta ha soccorso il volatile, ed ha allertato un veterinario di Breno, in Val Camonica.

Raccolta questa ed altre storie di animali feriti da cacciatori incauti, il Codacons ha deciso di presentare un esposto in Procura per la carenza di controlli nel territorio del parco, e di attività preventiva da parte delle istituzioni.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI