Cerca
Close this search box.
giovedì, 25 Luglio 2024
giovedì, 25 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

Peculato e frode ad Assago: all’obbligo di firma i gestori dei parcheggi comunali

E’ successo questa mattina ad Assago, nel milanese: i Carabinieri del Comando Provinciale di Milano hanno dato arrestato e posto all’obbligo di firma due persone, due italiani di 75 e 28 anni, titolari degli affidamenti diretti per la gestione dei parcheggi del Comune, ritenuti responsabili dei reati di peculato e frode nelle pubbliche forniture.

Il provvedimento deriva da un’attività d’indagine, avviata a luglio 2022 dal Nucleo Investigativo di Milano, sulla gestione dei parcheggi situati nelle immediate vicinanze del Mediolanum Forum di Assago.
Le aree, di proprietà comunale, nel tempo erano state affidate ad alcune società, collegate ai due indagati, per la gestione dei servizi di sbigliettamento, parcamento e pulizia. Le indagini hanno consentito di verificare che gli indagati, in qualità di incaricati di pubblico servizio con la funzione di agenti contabili del Comune di Assago, si appropriavano sistematicamente di parte dei proventi derivanti dalla gestione dei parcheggi, che avrebbero dovuto versare interamente nelle casse comunali. L’attività investigativa ha fatto scoprire che i due incassavano indebitamente denaro contante attraverso l’uso di ricevute false con l’effige del Comune di Assago, che consegnavano agli ignari utenti dei parcheggi, appropriandosi, inoltre, degli importi ricevuti con strumenti di pagamento elettronico utilizzando dei terminali POS riferiti a conti correnti intestati alle proprie società, in luogo di quelli comunali.
Durante i grandi eventi al Forum, i due arrestati sottraevano risorse al Comune deviando parte del traffico verso aree di loro proprietà, nonostante i parcheggi comunali fossero ancora disponibili, facendo così concorrenza sleale allo stesso ente locale che gli aveva affidato il servizio.

I Carabinieri hanno disposto il sequestro preventivo di più di 62mila euro, pari al profitto illecito incamerato. Altre cinque persone sono indagate, al momento, tra le quali i titolari di due tipografie che avevano realizzato i tagliandi falsi.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings