PARABIAGO/LEGNANO – Il 30 novembre dovrebbero essere pagati gli stipendi

PARABIAGO/LEGNANO – Il 30 novembre dovrebbero essere pagati gli stipendi ai dipendenti dell’impresa di pulizia che lavora alle piscine

Il 27 novembre nel gruppo Facebook “Sei di Parabiago se” e’ apparso l’appello di una giovane madre disperata che lavora nelle piscine di Parabiago e Legnano gestite da AMGA Sport con un’impresa di pulizie: “Hanno deciso di non pagarci gli stipendi mettendo in ginocchio otto famiglie… noi, ancora oggi dopo i ripetuti avvertimenti, stiamo dando il servizio a un’azienda che non merita, perché se ne frega se la nostra impresa non ci paga: il servizio lo vuole lo stesso, non pensando che noi stiamo lavorando gratis. Ho scritto pure un’email ad Amga senza aver alcuna risposta. (…) Ho un figlio di otto mesi da mantenere: cosa devo fare, mettermi davanti ai vostri impianti a chiedere l’elemosina? Oggi mi ritrovo in uno stato di agitazione, in uno stato deluso e angosciato ma il solo pensiero che posso far mancare qualcosa a mio figlio mi da’ la forza di lottare per i miei diritti. Chiedo aiuto ed un particolare interesse ai sindaci di Parabiago e Legnano”, – ha scritto.
Nel gruppo stesso le ha risposto l’Assessore parabiaghese alle politiche per il contrasto della disoccupazione, lavoro, giovani, casa, sport e tempo libero Diego Scalvini, specificando che il Comune di Parabiago ha gia’ chiesto delucidazioni ad AMGA Sport: “La situazione tra societá partecipata e la ditta dove lei lavora”, – ha scritto l’assessore -, “non è semplice, comunque abbiamo avuto rassicurazioni su quanto sollevato. Il prima possibile dovrebbe avere dei chiarimenti certi. Nel caso non fosse cosi, le chiedo gentilmente di farmelo sapere.”
Fortunatamente, l’autrice dell’appello dopo poco tempo ha risposto, ringraziando per l’interessamento, di aver avuto notizia che lunedi’ 30 novembre sarebbero arrivati gli stipendi e, se cosi’ non fosse, fara’ sapere direttamente al Comune come sono andate le cose.
Ci auguriamo che la situazione rientri al piu’ presto alla normalita’!

print