lunedì, 4 Luglio 2022

Oltrestazione e il suo “Fresco” supera la prova a pieni voti

I ragazzi di Oltrestazia in una passata edizione di Fresco*

Metti una latteria, quattro giovani, cocktail di moda, musica giusta e il gioco è fatto, anzi, la sperimentazione è perfettamente riuscita.

Si è svolto ieri, mercoledì 9 novembre, l’ultimo incontro autogestito dai ragazzi del gruppo Oltrestazia di Legnano nel locale “La Latteria” di via Genova 72, la terza serata di autogestione sperimentale.

Cinque amici ventenni con la voglia di fare hanno organizzato per tre serate la conduzione del bar bistrot, proponendo agli avventori, soprattutto giovani come loro, stuzzichini, dolci e bevande preparate in autonomia, provviste comprese.

Lo spazio è stato reso disponibile dai titolari della latteria, Stefania Laguardia e il marito Fabio che sono rimasti ad osservare, fornendo ai ragazzi di Oltrestazia soltanto qualche consiglio per migliorare il servizio.

L’esperimento è stato valutato ed avviato per permettere ai ragazzi del quartiere Oltrestazione di realizzare nel concreto un momento tutto loro, tra i progetti che via via gli stessi stanno portando avanti.

“Sono tante le cose che vogliano realizzare per noi e per il nostro quartiere, dove siamo cresciuti ed abitiamo da sempre. Siamo una decina di ventenni che si conosce dai tempi della scuola elementare, e vogliamo offrire spazi ed occasioni di intrattenimento ed aggregazione alla nostra gente. Siamo partiti con lo sport, con la “Oltrestazione football league” (trenta squadre che giocano tutto l’anno). Pensiamo ad uno spazio dove radunare e fare arte”, ha spiegato Alessandro Alleva, che coordina le attività del gruppo Oltrestazia insieme a Matteo Bettini, Stefano Manini, Marco Borsani e Matteo Patano.

Nei programmi dei ragazzi c’è infatti un sogno ambizioso, ma che si potrebbe tradurre in realtà con l’aiuto di qualche privato disposto a concedere uno spazio permanente in cui realizzare un polo culturale, aperto a tutte le arti. Secondo i giovani di Oltrestazia lo spazio potrebbe accogliere poesia, pittura, teatro, canto, musica, danza, arti figurative, fotografia, scultura e ogni forma di espressione creativa. Un centro di raccolta di sollecitazioni artistiche, tra idee e materia, in cui organizzare eventi ed iniziative per tutti.

“Noi ci crediamo molto e speriamo che altri possano coinvolgersi per fare una cosa davvero buona. Ringraziamo tutti coloro che stanno sostenendo le nostre idee”, ha detto Alessandro, annunciando per l’11 dicembre, giorno della festa di Natale per il quartiere, la presenza di Oltrestazia con un gazebo in via Venegoni e delle attività.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI