mercoledì, 17 Aprile 2024

OIPA dalla parte delle colombe: no ai nastri legati alle zampe per il volo di Pasqua

L’OIPA, l’Organizzazione internazionale Protezione Animali, chiede al Comune di Modica e al parroco della chiesa di Santa Maria di Bethlem, Antonio Maria Forgione, che quest’anno non si liberino le tradizionali colombe bianche con nastri legati alle zampe, in occasione della celebrazione della Madonna Vasa Vasa, prevista per la domenica di Pasqua, il 31 marzo.

La sezione ragusana dell’associazione ha inviato nei giorni scorsi una richiesta formale al sindaco della cittadina, Maria Monisteri Caschetto, la cui risposta non ha escluso l’uso delle colombe con i relativi nastri.

I nastri legati alle zampe mettono a repentaglio la vita delle colombe che volano appesantite e finiscono per impigliarsi, o vagano per il paese, spaventate e frastornate. Sono colombe allevate in cattività che spesso abbiamo dovuto soccorrere: sì alle tradizioni, ma nel rispetto degli animali. Chi sostiene che le colombe, di proprietà di un’allevatrice, non subiscono alcun maltrattamento e che dopo la festa tornano alla colombaia, si sbaglia purtroppo”, spiega Riccardo Zingaro, delegato dell’OIPA di Ragusa e provincia.

Da parte sua, l’avvocato Claudia Taccani, responsabile dell’Ufficio legale di OIPA Italia, ha inviato un’istanza formale al sindaco Monisteri Caschetto affinché si eviti il lancio delle colombe.  La legale valuterà anche se mettere in campo ulteriori azioni poiché anche le manifestazioni tradizionali religiose non possono contrastare con il benessere psicofisico degli animali, tutelati anche dall’articolo 9 della Costituzione.

A nulla sono valse, negli anni scorsi, le proteste degli amanti degli animali che, insieme all’OIPA, lo scorso anno firmavano una lettera aperta che così terminava: “Vorrei che a Modica, per quest’anno e per tutti quelli a venire, avessimo pietà di quelle colombe, rispettassimo le loro vite di esseri senzienti, risparmiassimo loro la sofferenza gratuita di una lenta agonia e, quanto meno, ne avessimo compassione per il valore del simbolo che nell’intero mondo che si dice cristiano esse rappresentano“.

 

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI