mercoledì, 17 Aprile 2024

“Nuova Canegrate” ripropone la faccenda dell’amianto

Alberto Ranieri Manzalini

“Ora non resta che attendere che la magistratura faccia il suo corso, poi ognuno potrà finalmente trarre le proprie conclusioni”.
Termina così una nota di questi giorni firmata dal capogruppo della compagine consiliare “Nuova Canegrate”, Alberto Ranieri Manzalini.
Le discussioni a proposito delle verifiche sulla presenza o meno di amianto nelle scuole cittadine, avvenute nel corso del Consiglio comunale di una decina di giorni fa, hanno portato l’opposizione consiliare a chiedere l’intervento delle autorità competenti: “Per accertare eventuali responsabilità, omissioni e negligenze a danno della salute dei cittadini, e per verificare la sussistenza di fattispecie penalmente rilevanti, è stato depositato un esposto alla procura della Repubblica”, scrive il capogruppo.
Alle recenti riflessioni dei componenti della lista civica “Canegrate Insieme”, che hanno criticato l’operato di Manzalini all’interno della scuola media dove lo stesso insegna, lui risponde così: “Mi vengono mosse pesanti critiche per aver invitato gli alunni della scuola primaria di secondo grado “A. Manzoni” a non danneggiare le sigillature poste di recente per evitare un’eventuale dispersione di fibre di amianto, contenute nella pavimentazione in linoleum. Questo non è allarmismo, ma una forma di prevenzione e di tutela della salute stessa. Ho parlato ai ragazzi come avrebbe fatto un buon padre di famiglia, usando estrema cautela e delicatezza, posso rassicurare le famiglie”.
Stando a quanto espone Manzalini, già nel documento di valutazione dei rischi 2014-2015 della scuola “A. Manzoni” era stato richiesto di verificare la composizione della pavimentazione in linoleum, prima degli interventi di verifica condotti quest’anno.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI