martedì, 27 Febbraio 2024

Non si ferma la protesta degli agricoltori: con i loro trattori in strada in più regioni d’Italia

Sta accadendo in questi giorni da Nord a Sud anche in Italia: gli agricoltori hanno aderito alla mobilitazione del loro settore partita in Germania e in Francia, ed estesasi in tutta Europa, scendendo nelle strade per protestare contro le politiche agricole dell’Unione europea.

Cortei di trattori lungo strade statali e provinciali in Emilia Romagna, Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise: tutti uniti per chiedere sussidi, dire no alla carne sintetica, chiedere la revisione dei prezzi all’ingrosso, vietare gli impianti fotovoltaici sui terreni fertili di grande produzione agricola. No alle farine di insetti, stop all’aumento dei mutui e dei carburanti; no all’Irpef agricola reintrodotta dalla legge di bilancio. I manifestanti denunciano inoltre il fatto che un progetto di legge, a loro favore, non sia stato ancora attuato.
Problemi ancora irrisolti, per gli agricoltori, come le invasioni dei cinghiali. Le manifestazioni e i cortei proseguono, non senza creare qualche disagio al traffico veicolare lungo alcune direttrici. Del resto lo scopo della mobilitazione è questo: non rimanere invisibili ed inascoltati.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI