sabato, 13 Aprile 2024

Non manca molto a Legnano ai lavori per la realizzazione della nuova piscina. Parola di assessore Bragato

La giunta comunale di Legnano ha approvato nelle scorse ore il progetto definitivo per la realizzazione della piscina di via Gorizia: un passo fondamentale nella complessa procedura di partenariato pubblico privato, scelta dall’Amministrazione comunale, per dotare la città di un nuovo impianto natatorio.

Come spiegato dal Comune, la delibera segue la conclusione della conferenza di servizi decisoria, che ha visto i pareri favorevoli degli enti coinvolti, fra i quali ATO, Cap Holding, ATS, Coni e Soprintendenza. Il progetto definitivo è stato verificato dalla Società di Ingegneria La Mercurio, che si era occupata anche di verificare il progetto di fattibilità tecnico economica.

L’approvazione del progetto definitivo della piscina segna un passaggio cruciale nel complesso iter di partenariato pubblico privato seguito per il nuovo impianto natatorio cittadino. Questo era il passaggio più complesso in quanto occorreva acquisire pareri importanti di enti quali Vigili del Fuoco, Sovrintendenza, CONI e CAP Holding/ATO: l’esito positivo della conferenza dei servizi, con piccole variazioni richieste al progetto e la conferma del quadro economico, prova la bontà della soluzione progettuale e avvicina il momento più atteso, ossia l’inizio dei lavori per il nuovo impianto. Con l’approvazione di questa delibera da parte della giunta, il Comune è in condizione di firmare il contratto con il Raggruppamento Temporaneo di Impresa (RTI con Techne SpA soggetto capofila) che aveva presentato il progetto di fattibilità tecnico economico illustrato pubblicamente lo scorso anno per la prima volta nella commissione Sport presieduta da Letterio Munafò. I prossimi passaggi sono la sottoscrizione del contratto e la redazione del progetto esecutivo; i lavori potrebbero cominciare entro la fine della primavera. Un traguardo importante per la nostra Città che, adesso, è veramente vicino”, spiega l’assessore alla partita Guido Bragato.

Rispetto al progetto di fattibilità le modiche richieste in Conferenza di servizi sono minime e non sostanziali. Importante sottolineare che il RTI abbia accettato di introdurre un percorso ciclopedonale che connetterà viale Gorizia col nuovo ingresso su viale Toselli. Il costo complessivo dell’opera è di 15 milioni e 405 mila euro, di cui 2 milioni e 500mila euro saranno finanziati con fondi PNRR. L’opera dovrà essere conclusa entro i primi mesi del 2026.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI