30.3 C
Comune di Legnano
mercoledì 12 Agosto 2020

No all’ospedale unico: una protesta a Busto Arsizio

Ti potrebbe interessare

La donna morta in casa a Castronno insegnava a Legnano

Era un'insegnante di inglese, in un istituto superiore di Legnano, la donna deceduta ieri, martedì 11 agosto, nella sua abitazione di Castronno.

Manovre pericolose sul Sempione: in mattinata c’è mancato poco ad un altro scontro

Mentre si sta piangendo la morte di due ventenni, vittime di uno scontro sulla Strada Statale del Sempione, avvenuto lo scorso 2...

Guardia giurata tenuta in ostaggio nel Duomo di Milano: attimi di apprensione tra i turisti

E' accaduto oggi, mercoledì 12 agosto, attorno alle 13 in piazza Duomo a Milano: uno straniero che ha voluto eludere i controlli...

Nuove automobili per la Polizia locale di Busto Arsizio

Si rinnova in questi giorni il parco macchine della Polizia locale di Busto Arsizio: cinque nuove vetture saranno acquistate grazie agli eco...

E’ successo ieri, sabato 11 luglio: in via Milano a Busto Arsizio si è svolto un presidio, organizzato dal “Comitato per il Diritto alla Salute del Varesotto“, per dire no al progetto dell’ospedale unico tra Busto Arsizio e Gallarate.

Un particolare incontro con i cittadini per ribadire la posizione del Comitato: la necessità di rafforzare l’offerta sanitaria e socio-sanitaria territoriale investendo sulle strutture esistenti, e di incrementare il personale per costruire una rete di degenze di comunità e di assistenza, di ambulatori e di consultori per la medicina di base.

I promotori della protesta invitano i sindaci e le Amministrazioni comunali delle due città coinvolte a prendere una netta posizione per dire no al nuovo ospedale: “Come abbiamo sempre sostenuto, non è pensabile investire centinaia di milioni per realizzare nuove strutture ospedaliere, senza prima affrontare e risolvere le problematiche esistenti del sovraffollamento dei Pronto soccorso, degli inaccettabili tempi per eseguire esami diagnostici e senza prima svolgere un’indagine epidemiologica che individui quali sono le patologie più critiche e le relative cure su cui sia necessario investire. La salute non è una merce, la sanità non è una azienda”, come si legge in una nota diffusa dal Comitato.

Articoli correlati

Presidio a Pregnana Milanese: noi non ci muoviamo

Si è svoto questa mattina a Pregnana Milanese, davanti ai cancelli della CNH, un presidio dei lavoratori, organizzato dalle sigle sindacali aderendo...