sabato, 21 Maggio 2022

Neutalia presenta attività e progetti: la nuova vita dell’impianto di Borsano

Sono stati presentati ieri mattina, giovedì 20 gennaio, le attività e i progetti di Neutalia, la società benefit partecipata da AGESP S.p.A., dal Gruppo AMGA S.p.A., da Aemme Linea Ambiente  e dal Gruppo CAP,  operativa nei servizi legati alla gestione dei rifiuti attraverso l’esercizio dell’impianto di termovalorizzazione di Borsano, a Busto Arsizio. Alla presentazione hanno partecipato il sindaco di Busto Arsizio Emanuele Antonelli, il sindaco di Legnano Lorenzo Radice, Michele Falcone, presidente di Neutalia e Stefano Migliorini, amministratore delegato. Con loro anche Claudia Colombo, vice presidente di Neutalia.

I vertici societari di Neutalia e i Comuni soci hanno esposto le strategie di sviluppo della società e le prossime linee d’azione, per 12 milioni di euro di investimenti, che saranno messe in campo: revamping delle strutture dell’impianto di Borsano e delle turbine, monitoraggio continuo e trasparente dei dati sulle emissioni, dialogo costante e strutturato con il territorio.

Come si legge in una nota, con il nuovo anno hanno preso il via le attività per la definizione del nuovo Piano industriale e sono entrate nel vivo le azioni di revamping sull’impianto di termovalorizzazione. Dalla sua nascita, avvenuta lo scorso agosto, Neutalia ha investito 9 milioni di euro, di cui circa 6 sono già stati spesi, e recentemente ha stanziato e messo a gara ulteriori 3,5 milioni, portando l’investimento complessivo in questa fase a oltre 12 milioni di euro.

“Tra le principali iniziative avviate c’è il completo rifacimento delle due turbine danneggiate nell’incendio del 2020, di cui la prima rientrerà in funzione entro fine febbraio e che consente all’impianto di tornare finalmente al suo ruolo di vero e proprio termovalorizzatore. Altre linee d’azione riguardano la trasparenza, il monitoraggio costante e la riduzione delle emissioni in atmosfera, linee programmatiche a cui risponde come misura il potenziamento della linea per l’abbattimento degli ossidi di azoto, che sarà realizzato nei prossimi mesi. Abbiamo inoltre incaricato il Politecnico di Milano di avviare uno studio sulle emissioni dell’impianto e, in particolare, sul mercurio, per valutare le migliori iniziative finalizzate ad abbatterne i livelli emissivi”, ha spiegato Migliorini. Il 2022 si apre con l’affidamento per la redazione del Piano industriale a un gruppo di professionisti, per consentire a Neutalia di presentare ufficialmente il Piano entro il prossimo mese di aprile.

“Il nuovo Piano ha l’obiettivo di individuare tre possibili scenari alternativi sul futuro dell’impianto e il modello più idoneo sulla base degli obiettivi e delle tecnologie oggi a disposizione. Partendo dal confronto con gli stakeholder, dall’analisi dei flussi dei rifiuti, dal contesto territoriale allargato e dall’individuazione delle migliori pratiche di gestione degli impianti, a fine aprile il piano industriale verrà presentato e condiviso con gli attori del territorio. In questo modo, attraverso un percorso di dibattito pubblico, sarà possibile far conoscere il nuovo piano, migliorandolo e perfezionandolo, recependo possibili istanze che emergeranno dalla discussione. Questa fase si concluderà nel corso della prossima estate. Sulla base di ciò che verrà definito e condiviso con il territorio e gli stakeholder, nell’ultima parte dell’anno, inizierà la progettazione delle azioni previste dal nuovo Piano industriale”, ha detto Falcone.

Un altro tema su cui Neutalia vuole essere protagonista è lo sviluppo dell’economia circolare. La gestione integrata della filiera dei rifiuti di Neutalia ne è un perfetto esempio: dalla materia non più riciclabile nasce infatti energia. Grazie al revamping dei due turbogeneratori si arriverà ad una produzione annuale di 40mila megawatt di energia elettrica. Due le linee di produzione: la prima sarà già attiva nei prossimi mesi, la seconda dopo l’estate.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI