giovedì, 13 Giugno 2024

Neutalia, debiti Accam e Impianto Forsu/Biometano Legnano: oggi la Procura apre le indagini. Nessuno si senta al di sopra della giustizia

Lo scorso luglio le associazioni e i Comitati ambientalisti formalizzavano le denunce nei confronti dell’operazione Neutalia, in zona Alto Milanese, la disinvolta presa in carico dei debiti di Accam da parte di CAP Holding e della nuova NewCo. Una “semplice” Srl, Società a responsabilità limitata, che si assume i debiti di una Spa.

La recente decisione della Procura di Busto Arsizio di aprire indagini su Neutalia e sulle acquisizioni di società e debiti da parte della nuova Srl, nella quale la parte del leone è interpretata dal Gruppo CAP, è un segnale molto positivo che tenta di far chiarezza su operazioni quantomeno “spericolate” con i soldi dei cittadini, spiegano gli ambientalisti. “Avevamo segnalato una fusione societaria e acquisizioni dubbie e disinvolte, caricando i debiti accumularti da Accam e dalla sua gestione dell’inceneritore di Busto, sulle tasche dei cittadini. Denunciavamo, inoltre, la pratica illegittima dell’acquisizione della Forsu, raccolta dalle società pubbliche controllate o partecipate per conferirla presso gli impianti afferenti alle società fondatrici di Neutalia, al fine di produrre biogas e biometano”, spiega l’ex deputato Stefano Apuzzo, a nome delle Associazioni ambientaliste.

Come si legge in una nota, Neutalia ha indetto, lo scorso 30 novembre, una gara pubblica a “lotto unico” per la raccolta, gestione e valorizzazione della Forsu, gara gestita da Amga Legnano. La pratica del cosiddetto “lotto unico” è già stata censurata e rispedita al mittente in altre occasioni (Comune di Segrate, provincia di Milano e gara Amsa-A2A del Comune di Milano), perché non favorisce la partecipazione delle imprese e, in sostanza, si configura spesso come un vestito cucito su misura a favore delle controllate e partecipate pubbliche. In merito alla gara, gli avvocati delle Associazioni ambientaliste stanno valutando una ulteriore denuncia penale, la segnalazione alle Autority pubbliche o il ricorso al TAR.

“Nella denuncia di luglio scorso segnalavamo anche l’enorme debito accumulato da Accam e trasferito, tramite CAP, nella nuova società; gli aspetti ambientali e di salute pubblica legati all’intenzione di incenerire a Busto e a Sesto San Giovanni i fanghi di depurazione, contenenti moltissime sostanze tossiche e pericolose (in particolare senza controllo continuo delle emissioni); l’assenza della Valutazione di impatto ambientale non ritenuta necessaria per l’impianto di Legnano (voluto e promosso da giunte di destra, Fratus e di sinistra, prima e dopo la stagione di Radice), gestito da Asja ma di proprietà di Amga (e quindi di Neutalia?); le prescrizioni di Città metropolitana di Milano, all’atto del rilascio dell’autorizzazione all’impianto Forsu di Legnano, tra cui “la riduzione e abbattimento delle emissioni in atmosfera, in particolare NOx (gli ossidi di azoto, che in atmosfera reagiscono, diventando fortemente tossici)”; il “lotto unico” presente già nella gara per la costruzione e gestione dell’impianto di via Novara, redatto da AMGA Legnano SpA e AEMME Linea Ambiente Srl; le decisioni, assunte nel 2021 da CONAI e AGCM (Agenzia per la Libera Concorrenza del Mercato) che ribadivano il principio di “concorrenza e libero mercato” per i rifiuti provenienti da raccolta differenziata e, quindi, con valore economico intrinseco; la tariffa prevista nel piano economico finanziario di Amga – Asja Legnano per lo smaltimento della Forsu, fissa per ben 22 anni, con conseguente tassa ai cittadini (Tari) fuori dai costi di mercato. Nel piano e nelle gare di Amga per Legnano si parla di un costo di circa 70 euro a tonnellata, mentre oggi il mercato (quello libero e non distorto dalla politica o dagli interessi delle multi utility pubbliche) è già sceso a circa 30 euro, a causa delle grande richiesta di Forsu per gli impianti di produzione di biometano. E’ oggi molto positivo che la magistratura bustese abbia finalmente aperto indagini nei confronti di Neutalia e delle Società fondatrici e partecipate, dimostrando che nessuno può ritenersi al di sopra della giustizia”, il commento di Apuzzo.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings