Cerca
Close this search box.
domenica, 14 Luglio 2024
domenica, 14 Luglio 2024
Cerca
Close this search box.

NERVIANO – Rubati reliquiari di San Giovanni Bosco: si pensa al traffico on line di oggettistica religiosa

reliquiario-in-argentoOltre al danno, la beffa per la comunità parrocchiale della chiesa di San Francesco d’Assisi di Nerviano, nella quale erano custodite alcune reliquie appartenenti a san Giovanni Bosco, trafugate da ignoti: si tratterebbe solo di commercio di oggettistica di gusto religioso sul web, niente di piu’… Don William Maggioni, 37 anni, parroco da quattro anni della chiesa di Garbatola, piccola frazione di Nerviano, ha dichiarato, in merito ad ipotesi oscure di matrice satanista: “Ma quale pista satanista. Se volevano, potevano rubare la scheggia della Croce di Cristo, che stava proprio là e non l’hanno fatto. Così come non hanno guardato le reliquie. I ladri volevano i reliquiari. Nient’altro. Anche se valgono poco dal punto di vista economico, li mettono all’asta su Internet, ricavando il più possibile. Quello dei reliquiari e degli ostensori è un traffico in grande crescita, mi creda. E così entrano in chiesa e li rubano”, questo quanto dichiarato dal sacerdote ad interris.it.
Tra domenica e lunedì scorsi, alcuni ignoti si sono mescolati tra i fedeli e, in un momento, hanno rubato due “ex indumentis” custoditi in altrettanti reliquiari a forma di croce, a loro volta inseriti in una teca facile da forzare, situata dietro l’altare. Nel primo contenitore vi era un minuscolo ritaglio della veste di san Giovanni Bosco, un pezzo di tessuto di 3 per 3 millimetri; nel secondo, un quadratino di stoffa delle stesse dimensioni del primo, ma ricavato dal mantello di Santa Teresa di Lisieux.
Sono reliquie di quasi nessun valore economico, tanto che molte chiese le distribuiscono gratis ai fedeli, spesso applicate ad un’immaginetta del santo a cui si riferiscono, e quasi invisibili. Per il parroco si tratta di un furto che non ha nulla che fare con la fede, quindi. “I malviventi erano interessati ai due reliquiari che contenevano i frammenti di stoffa. Si tratta di manufatti a forma di croce, alti circa trenta centimetri, fatti in legno e impreziositi da sottili lamine d’argento – ha proseguito don Maggioni -. Il loro valore non è particolare, poiché non sono stati fatti da qualche grande intagliatore”. Per il sacerdote si tratta di un vero e proprio traffico di oggetti d’arte di poca entita’ che, tuttavia, i banditi riescono a piazzare su piattaforme di scambio e vendita sul web, aumentandone il valore.
Aprendo uno di questi siti, conclude il parroco, “troverete decine e decine di ostensori o reliquiari che, a casa di chi li acquista online, diventano basi per abat-jour, soprammobili o addirittura portafoto“. Al posto della reliquia, quindi, ci finisce dentro la foto della fidanzata o della mamma. I carabinieri della compagnia di Legnano stanno indagando sul furto e hanno già visionato il contenuto del sistema di videoregistrazione esterno alla chiesa. Le forze del’ordine non negano che l’identificazione dei banditi potrebbe essere vicina.

FONTE: interris.it

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI

Close Popup

Questo sito utilizza cookie per gestire la navigazione, la personalizzazione di contenuti, per analizzare il traffico. Con la chiusura del banner acconsenti all’utilizzo dei soli cookie tecnici. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento.

Close Popup
Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web è possibile che vengano archiviate o recuperate informazioni e salvate nella cache del tuo Browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie.

Questi strumenti di tracciamento sono strettamente necessari per garantire il funzionamento e la fornitura del servizio che ci hai richiesto e, pertanto, non richiedono il tuo consenso.

Cookie tecnici
Questi cookie sono impostati dal servizio recaptcha di Google per identificare i bot per proteggere il sito Web da attacchi di spam dannosi e per testare se il browser è in grado di ricevere cookies.
  • wordpress_test_cookie
  • wp_lang

Accettazione/Rifiuto Gdpr
Questi cookie memorizzano le scelte e le impostazioni decise dal visitatore in conformità al GDPR.
  • wordpress_gdpr_cookies_declined
  • wordpress_gdpr_cookies_allowed
  • wordpress_gdpr_allowed_services

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi
Open Privacy settings