7.8 C
Comune di Legnano
mercoledì 3 Marzo 2021

MILANO/VARESE – Parla per la prima volta il presunto assassino di Lidia Macchi

Ti potrebbe interessare

Addio al dj Claudio Coccoluto

Si è spento a 59 anni, nella sua casa di Cassino, dopo una lunga malattia, il noto dj Claudio Coccoluto, uno dei più conosciuti...

Un progetto a sostegno delle donne che affrontano la malattia oncologica a Legnano

Al via a Legnano ad una particolare raccolta di fondi, in occasione dell'8 Marzo, Festa della Donna, organizzata dalle associazioni T-CLAR e By hand-Giancarlo...

Dopo le scatole di Natale Castellanza si impegna per il “Sacchettuovo”

In vista delle feste di Pasqua, a Castellanza c’è già chi si mobilita a favore dei più bisognosi. Dopo la raccolta delle scatole di Natale,...

L’ospedale di Cuggiono apre una nuova sede per le vaccinazioni anti Covid-19

Lo ha reso noto nelle scorse ore l’ASST Ovest Milanese: da giovedì 4 marzo entrerà in funzione negli spazi del Centro Prelievi dell’ospedale di...

“Non c’entro nulla con l’omicidio, non ho ucciso io Lidia, non ho inquinato le prove né potrei farlo”. Così Stefano Binda, che si trova in carcere dallo scorso 15 gennaio per l’omicidio della studentessa Lidia Macchi avvenuto nel gennaio del 1987, ha professato, per la prima volta dopo l’arresto davanti a dei magistrati, la sua innocenza sempre ribadita, comunque, anche attraverso i suoi legali, gli avvocati Sergio Martelli e Roberto Pasella. Nei precedenti interrogatori dopo l’arresto davanti al gip di Varese e al sostituto pg di Milano Carmen Manfredda, infatti, Binda si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere.
Oggi, in particolare, l’uomo ha reso brevi dichiarazioni spontanee davanti al Tribunale del Riesame di Milano che si è riservato di decidere su un’istanza della difesa. I legali chiedono, in sostanza, di far cadere il pericolo di inquinamento probatorio. Anche in caso di accoglimento, comunque, Binda resterebbe in carcere per pericolo di fuga e di reiterazione del reato.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati

VARESE – Al lavoro l’archeologo forense per individuare l’arma del delitto di Lidia Macchi

Dopo tutti i rilievi di rito, sono iniziate il 2 marzo le attività dell'archeologo forense Dominic Salsarola, incaricato dalla Procura di datare i reperti...

VARESE – Verra’ riesumato il corpo di Lidia Macchi

Le supposizioni dell'avvocato della famiglia di Lidia Macchi diventano ora realta': come riportato dall'ANSA Lombardia, infatti, la Procura Generale di Milano è pronta a...

VARESE – Dopo 29 anni, l’omicida di Lidia Macchi ha forse un nome ed un volto: decisiva la testimonianza di una spettatrice di ‘Quarto...

E' stata una telespettatrice del noto talk show di Rete 4 'Quarto Grado' a permettere una svolta decisiva, dopo ben 29 anni di oblio,...