21.6 C
Comune di Legnano
martedì 15 Giugno 2021

MILANO/VARESE – Parla per la prima volta il presunto assassino di Lidia Macchi

Ti potrebbe interessare

I Carabinieri arrestano a Busto Arsizio la coppia di rapinatori che terrorizzava i senza tetto nella stazione ferroviaria

E’ successo nelle scorse ore a Busto Arsizio: i Carabinieri sono riusciti ad individuare ed assicurare alla giustizia gli autori di una rapina, consumata...

Arriva l’orto che conta: arriva la Fiera del ContrOrto a San Giorgio su Legnano

Prende il via domani, mercoledì 16 giugno, una particolare iniziativa che coinvolgerà i ragazzi e gli educatori del Progetto Officina, della Cooperativa La Ruota. “La...

La centrale di teleriscaldamento si potenzia a Legnano: possibili disagi domani

Mentre nella giornata di domani, mercoledì 16 giugno AMGA Legnano completerà l’intervento di manutenzione straordinaria e di potenziamento della centrale del Teleriscaldamento, intrapreso giovedì...

Fermati a un controllo senza cintura di sicurezza sono arrestati per trasporto di droga

Avevano pensato a tutto, ma non del tutto, a quanto pare, i due soggetti arrestati ieri sera, lunedì 14 giugno, a Milano perché trovati...

“Non c’entro nulla con l’omicidio, non ho ucciso io Lidia, non ho inquinato le prove né potrei farlo”. Così Stefano Binda, che si trova in carcere dallo scorso 15 gennaio per l’omicidio della studentessa Lidia Macchi avvenuto nel gennaio del 1987, ha professato, per la prima volta dopo l’arresto davanti a dei magistrati, la sua innocenza sempre ribadita, comunque, anche attraverso i suoi legali, gli avvocati Sergio Martelli e Roberto Pasella. Nei precedenti interrogatori dopo l’arresto davanti al gip di Varese e al sostituto pg di Milano Carmen Manfredda, infatti, Binda si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere.
Oggi, in particolare, l’uomo ha reso brevi dichiarazioni spontanee davanti al Tribunale del Riesame di Milano che si è riservato di decidere su un’istanza della difesa. I legali chiedono, in sostanza, di far cadere il pericolo di inquinamento probatorio. Anche in caso di accoglimento, comunque, Binda resterebbe in carcere per pericolo di fuga e di reiterazione del reato.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati

VARESE – Al lavoro l’archeologo forense per individuare l’arma del delitto di Lidia Macchi

Dopo tutti i rilievi di rito, sono iniziate il 2 marzo le attività dell'archeologo forense Dominic Salsarola, incaricato dalla Procura di datare i reperti...

VARESE – Verra’ riesumato il corpo di Lidia Macchi

Le supposizioni dell'avvocato della famiglia di Lidia Macchi diventano ora realta': come riportato dall'ANSA Lombardia, infatti, la Procura Generale di Milano è pronta a...

VARESE – Dopo 29 anni, l’omicida di Lidia Macchi ha forse un nome ed un volto: decisiva la testimonianza di una spettatrice di ‘Quarto...

E' stata una telespettatrice del noto talk show di Rete 4 'Quarto Grado' a permettere una svolta decisiva, dopo ben 29 anni di oblio,...