26.7 C
Comune di Legnano
venerdì 23 Luglio 2021

MILANO/BUSTO ARSIZIO – Gestante morta con due gemelle in grembo: gli ispettori ministeriali anche a Busto

Ti potrebbe interessare

A Sumirago colpo in banca da 70mila euro: si cercano tre uomini

E’ successo nella tarda mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, a Sumirago: tre ladri, con indosso un passamontagna ma senza armi, sono entrati nella...

Bilancio partecipato a Legnano: partiti gli incontri per i suggerimenti al previsionale 2022

Ha avuto inizio da qualche giorno in Comune a Legnano l’iter partecipativo che servirà per realizzare il bilancio previsionale 2022. Prima tappa l’ascolto delle...

Olimpiadi di Tokio: un minuto di silenzio per le vittime della pandemia. Sfilano le nazioni in nome della speranza

Si è svolta nelle scorse ore di oggi, venerdì 23 luglio, la cerimonia di inaugurazione delle Olimpiadi di “Tokio 2020”, posticipate di un anno...

Panchina distrutta a Canegrate: le immagini delle telecamere al vaglio della Polizia locale

Forse sarebbe meglio che l’ignoto (almeno per ora) responsabile del danneggiamento ad una panchina di piazza Matteotti a Canegrate, si presentasse spontaneamente negli uffici...

Gli ispettori del ministero della Salute, assieme ai carabinieri del Nas, si sono recati il 2 maggio all’ospedale San Raffaele e alla clinica Mangiagalli di Milano, due delle strutture che si sono occupate del caso di Claudia Bordoni, la donna di 36 anni morta lo scorso 28 aprile alla Mangiagalli, dove era ricoverata per complicazioni derivanti dalla gravidanza (portava in grembo due gemelle e i feti non sono sopravvissuti) scaturita da procreazione medica assistita effettuata al San Raffaele. Come riportato dall’ANSA Lombardia, ispettori e Nas sono andati in mattinata al San Raffaele e nel pomeriggio alla clinica e per ore hanno copiato cartelle cliniche, acquisito relazioni e parlato con medici, dirigenti e vertici sanitari. Presto il Ministero, che aveva annunciato l’invio degli ispettori, dovrebbe mandare i funzionari anche all’ospedale di Busto Arsizio (VA), altra struttura dove la donna si recò. Giovedì prossimo alla Mangiagalli potrebbe presentarsi anche la ‘task force’ attivata da Regione Lombardia.

Articoli correlati