mercoledì, 28 Febbraio 2024

Milano si prepara ad accogliere i primi afghani in fuga dal loro Paese nelle mani dei Talebani

(Foto ANSA)

Lo ha confermato il sindaco di Milano Giuseppe Sala, nelle scorse ore: a breve è atteso anche a Milano l’arrivo di alcuni cittadini dell’Afghanistan, richiedenti asilo, in seguito al ritorno al potere nel loro Paese dei Talebani, dopo il ritiro dei contingenti americani e degli alleati.

Mentre le immagini della popolazione afghana caduta in un vortice di tensione e terrore, incertezza e confusione, cui in tanti stanno cercando di fuggire, stanno facendo il giro del mondo, anche l’Italia, come altre nazioni europee, si prepara ad accogliere intere famiglie in cerca di protezione: tutti coloro che hanno collaborato con le forze straniere e l’ambasciata italiana, come spiegato da Sala.

A Milano arriveranno da Kabul nelle prossime ore alcuni nuclei familiari, assegnati dal Coordinamento nazionale per l’emergenza, dopo la collaborazione confermata dal Comune e dalla Prefettura. Gli afghani saranno riconosciuti quali rifugiati (dl 251 del 2007).

Per accogliere i rifugiati si stanno approntando luoghi idonei in città, con la collaborazione di diverse realtà del Terzo settore milanese: centri di accoglienza, spazi più che adeguati e non improvvisati, per dare ospitalità a famiglie con bambini. “Penso che ciascuno debba fare la sua parte davanti a un’emergenza epocale come quella afghana, e noi siamo orgogliosi di ciò che stiamo facendo”, il commento del sindaco.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI