23.5 C
Comune di Legnano
domenica 1 Agosto 2021

MILANO – Pienone a mostre e musei nel fine settimana di Pasqua

Ti potrebbe interessare

Tornano i bonus per l’acquisto dei veicoli non inquinanti

Riparte da domani, lunedì 2 agosto, la distribuzione degli ecobonus, per l'acquisto di veicoli a basse emissioni, così come previsto dalla legge di conversione...

Padre violento maltratta il figlio minorenne: la Polizia interviene

E’ stato allontanato dalla sua famiglia, nei giorni scorsi a Gallarate, un uomo di origini straniere, resosi responsabile di maltrattamenti nei confronti del figlio...

La rigenerazione della città è cominciata: tutta la soddisfazione del sindaco di Legnano

“Ci vogliono visione, costanza e determinazione. E lo stiamo facendo davvero: in questo primo anno di lavoro stiamo seminando e mettendo le basi per...

Interrotta la festa nel parchetto a Parabiago: violata ogni regola anti Covid

E’ successo nelle scorse ore a Parabiago, nel parchetto cittadino di fronte alla chiesa della Madonna Dio’l sa: circa duecento persone di origini peruviane...

A Pasqua tempo discreto, a Pasquetta nuvoloso e piovoso: aldila’ delle previsioni che non sono state azzeccatissime, sono stati tanti coloro che hanno trovato delle valide alternative alle gite fuoriporta, approfittando delle innumerevoli attrattive di Milano che, secondo dati del Comune, ha fatto il pieno di visitatori dei Musei Civici e delle mostre, con un totale di circa 10.000 visitatori.
Il Castello Sforzesco, ad esempio, ha registrato 2.400 ingressi, seguito in classicica dal Museo del ‘900, che ha accolto un migliaio persone. Aperti anche l’Acquario Civico, il Mudec, il Museo di storia naturale, la Galleria di Arte Moderna, il Museo Archeologico, Palazzo Morando e il Museo del Risorgimento. Oltre 4.000 persone che si sono messe in coda per le mostre di Palazzo Reale nel weekend. La mostra “Umberto Boccioni (1882 – 1916) Genio e memoria”, ha registrato 2.500 ingressi e code alle biglietterie, mentre l’esposizione “Il Simbolismo. Arte in Europa dalla Belle Époque alla Grande Guerra” è stata visitata da più di 1.500 persone. Un bilancio davvero lusinghiero, segno che arte e cultura sono sempre vincenti se offerti al pubblico nei momenti giusti.

Articoli correlati