19 C
Comune di Legnano
sabato 18 Settembre 2021

MILANO – La figlia muore di stenti e loro comprano un’auto nuova: processo in corso

Ti potrebbe interessare

Legnano da il via alle celebrazioni di Dante Alighieri con mostre e conferenze

Sarà inaugurata domani, sabato 18 settembre, a Legnano, l’iniziativa culturale organizzata per celebrare il 700esimo anniversario della morte di Dante Alighieri. Il programma di “Nel...

Il piccolo non prende sonno: salvate per caso dodici famiglie da una fuga di gas

Se generalmente le notti insonni dei bambini sono un guaio per tanti genitori, questa volta i capricci notturni di un piccolo di 3 anni,...

Cicli terapeutici odontoiatrici con l’osteopatia per i bambini al Centro Porta Odontoiatria e Benessere

Il Centro Porta, che si trova a Busto Garolfo, nell'Alto Milanese, è da sempre promotore di un approccio multi specialistico in cui più discipline collaborano tra...

La GdF di Varese sequestra 20 chili di cocaina

E’ accaduto nei giorni scorsi a Varese: gli uomini del Comando Provinciale della Guardia di Finanza hanno arrestato tre persone accusate di detenzione e...

Come riporta l’ANSA Lombardia, Marco Falchi e Olivia Beatrice Grazioli, i due genitori sotto processo a Milano con l’accusa di maltrattamenti in famiglia aggravati in relazione alla morte della figlia Aurora di 9 mesi avvenuta nella loro casa nella notte tra il 26 e il 27 febbraio 2015, avrebbero comprato un’auto da 9300 euro “nel giorno stesso del decesso della bimba”. Lo ha spiegato il pm di Milano Cristian Barilli riferendosi a un nuovo documento da lui depositato all’inizio del dibattimento a carico della coppia che rischia condanne fino a 24 anni. Dall’inchiesta era emerso che la bimba riceveva un nutrimento insufficiente e viveva in condizioni igieniche precarie e che era deceduta per un arresto cardiocircolatorio provocato da “grave disidratazione” e “iponutrizione cronica e acuta”. E il pm davanti alla Corte d’Assise per contrastare uno degli argomenti delle difese che punteranno “sullo stato di indigenza” ha depositato una serie di atti, tra cui un documento relativo all’acquisto di un’auto “nel giorno del decesso”.

Articoli correlati