9.8 C
Comune di Legnano
giovedì 25 Febbraio 2021

MILANO – Arrivati in Stazione Centrale 400 profughi in 10 giorni

Ti potrebbe interessare

Tenta di fuggire su un’auto rubata: arrestato un 43enne a Brebbia

E’ successo nelle scorse ore: i Carabinieri della Stazione di Besozzo hanno arrestato in flagranza di reato un 43enne, disoccupato, cittadino extracomunitario di nazionalità...

Partono i lavori di sistemazione del parcheggio davanti a “L’Oasi” di Cerro Maggiore

Chiuso per mesi al pubblico per problematiche strutturali, sarà presto oggetto di una riqualificazione a Cerro Maggiore il parcheggio di fronte alla Rrsa "L'Oasi":...

Il sindaco di Legnano Radice ribadisce alla RSU di Accam l’impegno dell’Amministrazione

Nella giornata di ieri, martedì 23 febbraio, il sindaco di Legnano Lorenzo Radice e l’assessore alle Società partecipate Alberto Garbarino hanno incontrato alcuni esponenti...

Regione Lombardia rivoluziona il suo piano vaccinale: cambia la strategia perché sia più efficace

Novità in Lombardia sul fronte dei vaccini anti Covid-19: la giunta regionale ha deciso il cambio delle strategie già adottate, per favorire le zone...

Negli ultimi dieci giorni, sono arrivati alla Stazione Centrale di Milano circa 400 profughi, “generando di nuovo uno stato di emergenza per mancanza di posti nelle strutture”. Lo rende noto il Comune di Milano, che ha inaugurato il nuovo hub per la prima accoglienza in via Sammartini 120, uno dei tanti magazzini di proprietà di Grandi Stazioni, e ha chiuso il centro di via Tonale. Secondo quanto riferisce il Comune, i centri di accoglienza temporanea sono pieni. Attualmente in città risultano 2.350 migranti, l’86% dei quali sono richiedenti asilo o “dublinanti” (migranti rimandati in Italia per effetto del trattato di Dublino e sbarcati a Milano da altri Paesi europei). Solo 350 (14% del totale) sono transitanti. Gli arrivi spontanei non si sono mai interrotti. Negli ultimi mesi il numero di persone che hanno fatto richiesta di asilo tra i migranti giunti spontaneamente a Milano, dopo aver lasciato i centri del sud dell’Italia o di altre città, è aumentato del 460% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati