giovedì, 8 Dicembre 2022

Michael Jackson Thriller 40: è uscito l’album che compie 40 anni

È uscito in questi giorni “Michael Jackson Thriller 40”, un’esclusiva riedizione dell’album che ha segnato la storia della musica pop mondiale superando cento milioni di copie vendute in tutto il mondo, e che quest’anno compie quarant’anni.
Per celebrarlo Sony Music e l’Estate of Michael Jackson hanno annunciato l’uscita di un doppio disco composto da “Thriller” e da un secondo album con alcune sorprese per i fan, inclusi alcuni brani del “re del pop” scritti durante la lavorazione di Thriller e mai pubblicati.
I mix audio immersivi di “Thriller” sono ora disponibili in varie versioni in tutti i digital store, mixati da Serban Ghenea dai master originali con i mix di John Hanes.

Tante le iniziative per onorare quest’opera di Michael Jackson che ha battuto il record di otto Grammy vinti, ha infranto le barriere musicali e cambiato per sempre le frontiere della musica pop e dei video con la permanenza di cinquecento settimane nella classifica di Billboard, dalla sua uscita il 30 novembre del 1982. La prima di queste iniziative è il lancio di nuovi prodotti con lo speciale logo Thriller 40, ora disponibile esclusivamente attraverso il webstore MichaelJackson.com.
Thriller è stato il primo album nella storia a trascorrere ciascuna delle sue prime ottanta settimane nella Top 10 della classifica degli album, un’impresa raggiunta soltanto da un altro album nei quasi quattro decenni successivi, arrivando primo in classifica in tutti i paesi del mondo, inclusi Regno Unito, Francia, Italia, Australia, Danimarca, Belgio, Sud Africa, Spagna, Irlanda, Nuova Zelanda, Canada e Sud Africa dell’apartheid e rimane l’album più venduto di tutti i tempi con vendite superiori a cento milioni.

Sette brani dell’album sono diventati singoli nella Top 10 e tre, “Beat It”, “Billie Jean” e “Thriller”.
La musica di Thriller era così singolare per l’epoca da sfidare qualsiasi definizione di rock, pop o soul precedente. “Beat It” era un nuovo tipo di ibrido pop-rock e ha demolito la segregazione di lunga data tra la musica bianca e quella nera, insieme alla chitarra incendiaria di Eddie Van Halen.
In “The Girl Is Mine”, due uomini, uno bianco e uno nero, scherzano sulla stessa ragazza.

Nello stesso album si trovano canzoni come “Wanna Be Startin’ Somethin'” di origine africana e “Billie Jean” basata sul rhythm and blues.
Jackson ha rivoluzionato il modo di raccontare una storia e intrattenere su larga scala attraverso i video, ma ha dovuto affrontare degli ostacoli. Nonostante l’impostazione cinematografica, la narrativa drammatica e la coreografia spettacolare di “Billie Jean”, MTV dell’epoca, che stava programmando quasi esclusivamente artisti rock bianchi, si è rifiutato di suonarlo. Una volta che il muro è crollato, gli ascolti di MTV sono aumentati vertiginosamente e si è aperta una porta per una generazione di artisti afroamericani. “Era il Jackie Robinson di MTV”, ha detto il critico culturale Touré.

Successivamente l’indimenticabile cortometraggio “Beat It” vede Jackson riunire due bande attraverso il potere della musica e della danza. E poi “Thriller” presentato in anteprima all’AVCO Theatre di Los Angeles nel 1983, tutto esaurito ogni sera per tre settimane.
Nessun altro video prima o dopo ha generato una tale eccitazione e ha una tale presa sul pubblico, tanto che quarant’anni dopo entra nella memoria collettiva rimanendo l’unico video musicale ad essere inserito nell’élite National Film Registry dal Libreria del Congresso.
La musica di Thriller e degli altri album di successo di Michael è presente nello spettacolo di Las Vegas “Michael Jackson ONE”, al Michael Jackson ONE Theatre di Mandalay Bay Resorts and Casino e nell’acclamato musical di Broadway MJ The Musical al Neil Simon Theatre di New York.
Michael ha venduto oltre 1 miliardo di dischi e rimane uno dei migliori artisti al mondo in termini di visualizzazioni.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI