giovedì, 11 Agosto 2022

#MeToo quando la vittima è maschio

Alexander Wang (Foto di M. Sokolsky per Harper's Bazaar)

Il movimento #MeToo denuncia in questi giorni un nuovo caso che ha fatto subito scalpore mediatico, travolgendo in una vera e propria bufera lo stilista americano di origine taiwanese Alexander Wang (ex Direttore creativo di Balenciaga) accusato di molestie sessuali dal modello britannico Owen Mooney.

I fatti risalirebbero al gennaio 2017, ma soltanto in questi giorni sono stati resi noti da Mooney con un video su TikTok ripreso dall’account Instagram @ShitModelMgmt e reso virale, dove il modello britannico racconta di essere stato molestato dallo stilista durante un party in un locale newyorkese. Alla grave accusa di Owen Mooney (al momento, mossa solamente sui social network e non in sede legale) ne sono susseguite diverse altre, che accusano lo stilista anche di aver somministrato droghe e alcol alle sue vittime prima di abusarne, o tentare di farlo.

Nessuna reazione al momento dallo stilista californiano considerato tra gli eredi di Calvin Klein, Donna Karan e Ralph Lauren nel vortice del fashion system newyorkese, ne dai suoi portavoce.

Così come nessuna reazione è arrivata dalle numerose star con cui lo stilista intrattiene profondi legami d’amicizia, e che con lui hanno molte volte lavorato come le sorelle Hadid o Kaia Gerber (figlia della supermodel Cindy Crawford), dovute al fatto che al momento si tratta solo di rumors, anche se hanno fatto il giro del mondo.

Lo scandalo delle molestie nel mondo della moda sembra quindi non volersi fermare, neppure dopo le gravissime denunce che nel 2008 coinvolsero i più grandi fotografi di moda del mondo tra cui Terry Richardson, Bruce Weber, Mario Testino e Patrick Demarchelier, accusati di molesti da molte modelle durante gli shooting.

La vicenda, che sta coinvolgendo Alexander Wang, sembra fare meno scalpore, e in molti iniziano a domandarsi se non sia dovuto al fatto che la vittima sia un uomo.

Ha davvero meno valore la denuncia quando le molestie non sono perpetrate nei confronti di una donna? E’ così difficile credere che anche gli uomini possano essere vittime di molestie e violenza fisica e psicologica? E sulla base di questi interrogativi al momento non resta che attendere le mosse (soprattutto legali) da parte di chi denuncia, e la risposta ufficiale dallo stilista e dal suo staff.

Silvia Ramilli

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI