giovedì, 11 Agosto 2022

Maxi operazione contro lo sfruttamento della prostituzione: sette arresti tra Varese, Lecco, Como e Monza Brianza

I Carabinieri della Compagnia di Saronno, rispondendo alla denuncia di una giovane donna, che ha raccontato di essere stata violentata, hanno portato a segno nelle scorse ore l’arresto di sette persone nelle province di Varese, Monza Brianza, Lecco e Como. Sequestrato anche un circolo privato, adibito abusivamente a night club, a Varedo.

Le indagini dei militari dell’Arma sono partite quando una ragazza di Saronno ha raccontato di essere stata vittima di una violenza sessuale, trovata sotto choc nella sua abitazione. Successivi controlli negli ambienti frequentati e segnalati dalla donna, hanno portato a scoprire un “giro” di ragazze, alcune italiane ed altre straniere, che “lavoravano” in un circolo privato di Varedo, di fatto gestito abusivamente come night club, all’interno del quale le stesse erano costrette a prostituirsi.

Ulteriori accertamenti hanno consentito di confermare l’esistenza di una vera e propria associazione dedita alla consolidata, sistematica e duratura attività di reclutamento, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione, impiegando più donne, in prevalenza straniere ed in condizioni di bisogno o indigenza.

Come spiegato dai Carabinieri, il sodalizio criminale era dotato di una propria organizzazione di persone, denaro, forniture e mezzi, compresi beni mobili ed immobili, e di una precisa ripartizione dei ruoli; perseguiva il proprio programma criminoso secondo modalità ed automatismi collaudati, esercitando in forma imprenditoriale le varie attività illecite all’interno dei locali.

“Promotori dell’associazione un 74enne ed un 47enne di origini calabresi (padre e figlio, residenti rispettivamente nelle province di Lecco e di Monza Brianza). Inoltre, destinatari delle misure, un 49enne residente in Brianza ritenuto il gestore degli affari per conto dei due congiunti; una donna 28enne, compagna del più giovane dei promotori, considerata l’intestataria/prestanome di conti correnti e aziende riconducibili alla gestione del locale notturno, attraverso i quali veniva riciclato il denaro di provenienza illecita; un albanese, gestore di fatto del locale; un italiano ed un albanese che avevano il ruolo di drivers/accompagnatori delle ragazze”.

Durante l’operazione eseguita dai carabinieri della Compagnia di Saronno, coadiuvati da quelli delle province di Monza Brianza, Milano, Como, Lecco e Alessandria, è stato sottoposto a sequestro preventivo l’intero immobile sede del night club, trovato in piena attività, ed in totale inosservanza delle norme sull’emergenza sanitaria in corso.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

ULTIME NEWS

LE PIÙ LETTE

ARTICOLI CORRELATI