Mariti infedeli se cercano compagnia femminile sul web

separazione
(Foto da web - Antenna 1 FM)

La vicenda è di quelle destinate a rappresentare un “precedente”, nonché a fare discutere l’opinione pubblica.

La Cassazione ha respinto nei giorni scorsi il ricorso di un ex marito mossosi legalmente contro la ex consorte, credendo di aver ragione quando lei lo ha lasciato da un giorno all’altro, avendolo trovato su Internet intento a navigare su siti di incontri.

La navigazione sul web alla ricerca di siti di incontri equivarrebbe all’infedeltà coniugale, diritti e responsabilità compresi, come ha stabilito la Suprema Corte convalidando il verdetto della Corte di Appello di Bologna, nel caso della coppia che ha dato il via anche a questo tipo di motivo valido, per ricorrere ad una separazione.

print