11.6 C
Comune di Legnano
mercoledì 12 Maggio 2021

MAGNAGO – Ha confessato il 33enne che ha ucciso a coltellate la ex fidanzata

Ti potrebbe interessare

Escursioni nei boschi di Cittiglio: attenzione alle frane

Dopo la frana che ha determinato recentemente la chiusura del Parco delle Cascate di Cittiglio, fino al termine dei lavori di messa in sicurezza...

Buoni Spesa: a Legnano pubblicata la graduatoria. Aiuti là dove c’è bisogno

È stata pubblicata ieri, lunedì 10 maggio, a Legnano, la graduatoria dei cittadini ammessi ai Buoni Spesa destinati alle famiglie colpite dall’emergenza Covid-19, e...

Arriva il Consiglio comunale “misto” a Legnano

Si svolgerà sabato 15 maggio alle 8.30 il Consiglio comunale a Legnano, convocato in modalità “mista”. Vale a dire che la seduta si terrà...

Sport e inclusione: prende il via un progetto nell’Alto Milanese

Sport per tutti. L’Associazione “Cittadinanza Attiva OdV” ha presentato in questi giorni un progetto che ha come fine permettere a disabili, a bambini, ragazzi...

Ha confessato nella notte Arturo Saraceno, il 33 enne arrestato ieri dai carabinieri di Legnano per l’omicidio della ex fidanzata Debora Fuso, 25 anni, uccisa a coltellate nella loro casa di Magnago (MI) (leggi l’articolo relativo). “Stavo cenando, lei era qui per un chiarimento, abbiamo litigato per l’ennesima volta e mi é partito un embolo”. Queste le parole di Saraceno agli inquirenti, che lo hanno ascoltato per oltre sei ore a Legnano, una volta dimesso dall’ospedale dove era arrivato con ferite da taglio al petto che si era procurato da solo. Il Pm Maria Cardellicchio dovrà ora valutare gli elementi raccolti fino ad ora per eventualmente modificare il capo di accusa. Sempre Procura e carabinieri hanno richiesto test alcolemici e tossicologici su Saraceno, nonostante non vi fossero elementi per pensare che il giovane fosse in stato di alterazione al momento dell’omicidio. La coppia si era lasciata ad aprile, per la quarta volta in sei anni.
“Come si fa ad uccidere una ragazzina di 25 anni?”, esordisce così Teresa Fuso, zia di Debora: “É stato detto tanto di errato su mia nipote”, – spiega la donna -, “é stato lui a lasciarla, alla vigilia della firma in comune per il matrimonio. Aveva prenotato tutto lui, poi ha disdetto dicendo che non era più sicuro dei suoi sentimenti”. Secondo il racconto del legale di Saraceno, l’avvocato Daniele Galati, “non esiste alcun nuovo fidanzato, non esiste motivo per quello che é successo, quello che dice lui sono scuse e bugie”.

FONTE: ANSA Lombardia

Articoli correlati